Più piangi durante la visione di un film più sei forte caratterialmente

Se ti commuovi davanti a un film dimostri empatia e sensibilità

Come vi comportate davanti ad un film strappalacrime? Rimanete impassibili o non riuscite a trattenere le emozioni e finite in un battibaleno il pacchetto di fazzoletti? Buone notizie per i più sensibili, commuoversi davanti ad un film o ad un video particolarmente emozionante ha un significato molto positivo.

Spesso, soprattutto per gli uomini, il pianto è visto come un gesto che dimostra debolezza e fragilità: nulla di più falso, l’uomo che riesce a piangere e a commuoversi davanti ad una situazione emozionante è solo, meravigliosamente, umano e sensibile. Questa nostra predisposizione al pianto durante alcuni film è data proprio dalla nostra empatia cioè dalla capacità di sentire sulla nostra pelle i sentimenti altrui e farli nostri grazie all’attività dei nostri neuroni specchio.

Quindi è possibile provare empatia anche per un personaggio di un film? Certo che sì, se l’attore è particolarmente convincente è facile che la sua parte ci trasmetta delle sensazioni talmente forti da farcele vivere in prima persona. Insomma, niente da preoccuparsi: commuoversi davanti ad un film significa essere più inclini a capire le persone e i loro sentimenti e a connettersi con loro in maniera più profonda.

Uno studio ha analizzato proprio questa nostra particolare caratteristica per capire come la visione di un determinato video possa influenzare la nostra vita fuori dallo schermo. Lo studio è stato fatto presso la Claremont Graduate School e consisteva nel far guardare ai partecipanti un video dell’ospedale dei bambini di St. Jude.

Il primo gruppo di persone ha visto una sequenza del video che aveva come protagonista un genitore che parlava del cancro terminale del suo bambino mentre il secondo ha visto uno spezzone in cui il bambino e il padre visitavano tranquillamente lo zoo senza parlare mai di alcuna malattia.

Chiaramente, il primo video ha generato una risposta emotiva più intensa riportando un aumento del 47% del livello di ossitocina nel sangue. Lo studio continuava con una seconda parte dove i partecipanti del test precedente dovevano prendere una serie di decisioni relative al denaro e a terze persone.

Il risultato è stato chiaro: le persone che avevano visto il video più emotivo si sono dimostrati più generosi con gli estranei e più propensi alla donazione in denaro sentendosi felici e utili nel farlo.

Lo studio dimostra quanto le nostre emozioni che proviamo viaggino veloci nel nostro quotidiano e inneschino dei meccanismi a catena inconsci utili a noi e al nostro benessere ma anche a quello delle persone che abbiamo vicino.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Più piangi durante la visione di un film più sei forte caratterialme...