Perché ho perdonato un tradimento, anche se ho sofferto

Ho perdonato un tradimento, nonostante il dolore. E anche se ogni azione ha un peso, adesso sono una persona felice

Ho sentito la terra mancare sotto i miei piedi. Ho visto le mie certezze sgretolarsi, ho visto la mia fierezza di donna impallidire. Eppure ho perdonato un tradimento. L’ho fatto fissando la mia immagine allo specchio e guardandomi negli occhi, gli stessi divenuti rossi e gonfi per il pianto, per tanto, troppo tempo.

Ciò che ho fatto non è facile e, per alcuni, è addirittura incomprensibile. Le mie amiche mi hanno invitata a riflettere, mi hanno detto che se mi ha tradita, non mi ama, come dargli torto? E io ho pensato bene a queste parole. Anzi, la verità è che è proprio partendo da quelle affermazioni mi sono convinta a perdonare.

Sì, perché non sono stata solo a sentire: ho ascoltato. Non ho voluto soffermarmi sul dolore che ho provato, piuttosto ho voluto capire se quell’amore era finito. Ho voluto conoscere le cause del tradimento, quelle più profonde. Ho camminato lungo un sentiero scivoloso stando ad ascoltare cosa aveva da dirmi lui, che mi aveva tradita.

L’ho fatto perché volevo proteggermi e onorarmi e per farlo dovevo conoscere le motivazioni. E non è stato facile: le sue parole, le sue spiegazioni, mi hanno ferita ancora e ancora. Eppure le ho trovate sincere, oneste e piene d’amore.

Mi sono presa del tempo per soppesarle, per farle mie e per comprendere che alla base di tutto c’era qualcosa che nessuno dei due poteva prevedere: un allontanamento quasi silenzioso, un darsi per scontati forse troppo doloroso, uno sbaglio forse non condivisibile, ma per certi versi giustificabile. Come avevamo fatto ad arrivare a quel punto?

Ho preso del tempo per me, solo per me, e mentre quella che ritenevo essere la mia metà perfetta della mela dormiva lontana da me e implorava il mio perdono, mi sono chiesta quale fosse l’epilogo migliore per me, per noi.

E alla fine l’ho capito, potevamo ricominciare e andare avanti, insieme. Si può fare se c’è amore, si può se non si recrimina, se non ci addita, se non ci si colpevolizza. Si può se la coppia è forte e vuole ancora camminare mano nella mano. Ho perdonato e ne sono felice. Perché, adesso, siamo più forti che mai.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Perché ho perdonato un tradimento, anche se ho sofferto