Patologie psicosomatiche: il prezzo da pagare per aver represso le emozioni

Possiamo fingere di non provare rabbia o dolore, ma prima o poi il conto da pagare arriverà. E non ci piacerà

Diamo voce alle nostre emozioni, anche se quelle grida di dolore possono apparire spaventose, facciamolo sempre. Non riusciremo mai a controllare i nostri sentimenti, a forzare il cuore, a dirgli cosa deve provare e cosa no; forse avremmo l’illusione di farlo per un po’, ma prima o poi il conto da pagare ci sarà servito, e sarà molto alto.

Le chiamano patologie psicosomatiche e sono tutte quelle emozioni che, se non ascoltate, si presentano sotto forma di malattie. Ipertensione, dermatiti, cefalee e sbalzi d’umore sono i segnali che ci manda il nostro corpo per dirci che per troppo tempo abbiamo trattenuto emozioni sconvenienti, che invece avremmo dovuto imparare ad affrontare e vivere.

Il dolore e la sofferenza ora lo sappiamo, vanno sempre ascoltati. Possiamo fingere davanti agli altri che il nostro cuore non sia in frantumi, possiamo sforzarci di sorridere, a volte possiamo mentire anche a noi stesse, ma il prezzo da pagare per questo è davvero troppo alto. Reprimere le emozioni porterà sempre delle conseguenze disastrose nella nostra vita e nelle relazioni che vivremmo a posteriori.

La non accettazione di ciò che accade dentro e fuori, ci allontana da noi stesse, ci impedisce di crescere ed evolvere, di essere felici. Al contrario, invece, affrontare il dolore e tutte le emozioni contrastanti che attraversano l’anima, vuol dire anche imparare a conoscerci.

Questo atteggiamento ci dà l’opportunità di migliorare e non solo, capire che direzione prendere e come trasformare la nostra vita. Quando invece reprimiamo le emozioni negative, come rabbia, paura o dolore, quando ci sforziamo di non provarle o le ignoriamo, stiamo commettendo un torto gravissimo nei confronti della nostra persona.

Non solo perché modificheremo i nostri atteggiamenti e le nostre azioni ripercuotendo il tutto sulle relazioni future ma anche perché influenzeremo il nostro corpo. Lo conferma la scienza, e anche gli psicologi, che chi reprime le proprie emozioni e non le vive, sviluppa problemi somatici.

Tensioni muscolari, mal di testa o malattie più complesse che diventano, in questo caso la via di fuga di quelle emozioni che non abbiamo ascoltato. Solo se impariamo ad ascoltarci ci avviciniamo alla nostra vera identità, solo se accettiamo questa grande sfida, con coraggio, troveremo la strada della felicità, e anche quella del benessere fisico e psichico.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Patologie psicosomatiche: il prezzo da pagare per aver represso le emo...