Parità uomo-donna, ancora un miraggio?

La società è infarcita di pregiudizi verso le donne che rispetto all'uomo guadagnano di meno e sono vittime di violenza domestica e stupri

Parità di diritti un bel niente. Gli uomini, pari requisiti e livello, guadagnano ancora di più delle donne. Molto di più. Quando in casa arrivano i figli, è sempre lei a doversene occupare. Lavori domestici? Manco a parlarne. Stereotipi sulle donne al volante come se piovesse. Se una fa carriera: “l’ha data”. Se è arrabbiata: è mestruata o uterina. Per non parlare dei dati sulle violenze domestiche e gli stupri, drammaticamente in crescita.

Per le donne non è un bel periodo. Non solo in Afghanistan o in Iran, anche in Europa. Un maschilismo molto poco latente serpeggia pericolosamente ed è ora di reagire, soprattutto a certe dichiarazioni.

Se ne avessi il potere proibirei alle donne di avere la patente. Uomo e donna per me appartengono a due specie differenti […] Non sopporto le donne che fumano e quelle che mentono. Mi piacciono quelle alte, magre e con i fianchi stretti. Se una è così posso anche fare a meno di esaminarne il seno. Non ho preferenze sul colore dei capelli, quello che mi importa sono le buone maniere e lo stile.

Non è una frase dell’iraniano Ahmadinejad, ma del 27enne miliardario e calciatore dell’Arsenal Andrei Arshavin.

L’uomo fa l’uomo e dà la guida spirituale, la donna nutre e alleva i figli. E insieme formano equilibrio e stabilità. Oggi, però, nessuno vuole fare la sua parte.

La predica di un imam? Neanche per sogno. È la dichiarazione rilasciata dal cantante sanremese Povia alla rivista Vanity Fair.

Ci sono pecore buone e cattive. Quelle buone danno tanta lana, fanno tanto latte e tanti agnelli. Quelle cattive non mi interessano, non le saprei riconoscere a meno che essere cattive non significhi fare poca lana, poco latte e pochi agnelli. Indipendentemente dal fatto che siano tutte buone, so per certo che sono di una razza diversa dalla mia e so per certo che molti sanno che le pecore appartengono ad una razza diversa. Anche le donne.

Donne come pecore, è questa la frase che campeggia sul sito Maschilisti.com. E non è neppure un pensiero di nicchia.

La donna non deve lavorare, deve occuparsi della casa, deve fare figli e crescerli, dev’essere uno spiccato esempio di moralità (mentre gli uomini, si sa, hanno istinti legittimi da soddisfare), dev’essere bella ma non provocante, non deve fumare e neppure avere la patente. Tra quanto chiederanno che ci venga tolto il diritto di voto?

Parità uomo-donna, ancora un miraggio?