La nonna? È lei la migliore amica e confidente dei millenials

Perché i nonni sono i migliori amici dei millenials? A svelarlo è uno studio

Quella dei nonni è una figura da sempre tanto amata dai più piccoli. Ciascuno di noi, porta con sé i bei momenti trascorsi con loro, quegli abbracci dolci e rassicuranti dopo che magari, eravamo stati sgridati da mamma o papà per aver combinato una marachella.

I nonni ci sono sempre, e nutrono un affetto incondizionato verso i loro nipoti. Con loro c’è un legame speciale e indissolubile che non può essere paragonato a nessun altro. E ieri, come oggi le cose non sono affatto cambiate. Per quanto possa sembrare strano, i ragazzini delle ultime generazioni, anche se presi da smartphone, serate con gli amici e social network, considerano i propri nomi come degli amici (un po’ più grandi e più saggi), e dei buoni confidenti. Una vera e propria “tendenza”, messa a nudo anche da figure dello spettacolo come Miley Cyrus o Justin Bieber, che non hanno esitato a manifestare su propri social il rapporto speciale che hanno con i loro nonni.

I nonni non sono dei vecchietti da accudire, ma sono giovanili e al passo con i tempi: usano WhatsApp per comunicare con i nipoti, ma allo stesso tempo sono i detentori delle vecchie tradizioni, specialmente in cucina.

A rivelare che i nonni sono i migliori amici dei millenials è stata una ricerca che ha coinvolto circa 1.500 giovanissimi. Lo studio è stato condotto dallo “Story cooking” di Casa Coricelli, l’osservatorio sulle tendenze del mondo dell’olio e della cucina ed ecco cosa è venuto fuori, dopo aver osservato i comportamenti dei ragazzi attraverso social, blog e forum dedicati a questo tema.

Il 55% di loro considera la nonna come la figura più importante della vita e questo perché oltre a essere una cuoca provetta, capace di realizzare portate da leccarsi i baffi, è anche un’ottima dispensatrice di consigli giusti. Lo conferma anche la dott.ssa Chiara Venturi: “La cucina della nonna può essere un mezzo per rafforzare il rapporto con i nipoti, infatti i ragazzi valorizzano le tradizioni e il legame con le generazioni passate più di quanto si possa immaginare”.

Per i giovani tra i 16 e i 18 anni, è quindi la nonna la confidente numero 1 per parlare di discussioni con i propri genitori (22%), di questioni legate al mondo scolastico (26%) e anche dei primi amore, che batte tutti con il 34%. In generale, per il 64% del campione monitorato, la nonna è la persona ideale per cercare conforto nei momenti più difficili, ma anche quella che concede più libertà (44%).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La nonna? È lei la migliore amica e confidente dei millenials