Uomini che non sanno crescere: l’eterno Peter Pan

L’eterno Peter Pan abita o ha abitato con i genitori fino a 40 anni, o per dipendenza psicologica (nel qual caso, fuggite come il vento) o per puro opportunismo: camicie stirate, lasagne in forno, niente affitto. È viziato, ma all’inizio della relazione sa nasconderlo abilmente. Ha un carattere aperto e disponibile e un sacco di amici – single Peter Pan pure loro – dai quali tiene alla larga la partner perché si vergogna di avere una relazione fissa (anche se non lo ammetterà mai, i suoi amici single lo biasimerebbero).

Pratica, fin dalla tenera età, incomprensibili attività maschili che possono andare dagli sport di squadra al culto dei computer, al collezionismo di fumetti o al gioco di ruolo. Può essere uno sportivo o un nerd, ma cambia poco: ha coltivato attività sociali esclusivamente maschili che gli hanno permesso di sviluppare un carattere estroverso e la tendenza allo scherzo continuo e pesante da spogliatoio, che tende ad applicare con scarso buonsenso anche all’universo femminile. Spesso fa gaffe per eccesso di cordialità o sincerità, ma le indossa con grande naturalezza e senza il minimo senso di colpa.

È molto di compagnia, come un cagnone; sessualmente sa essere giocoso ma è poco competente dal punto di vista anatomico (non ha avuto molte storie, e comunque mai storie lunghe) e può essere poco attento al piacere della partner. Se la storia finisce riesce a restare amico come se nulla fosse successo, anzi insiste per farlo: probabilmente continuerà a presentarsi con gli amici e la pizza per vedere la partita o per giocare con la Wii.

Dove si aggira: chat, sale biliardo, Facebook, e negli ambienti di rete in cui discute della sua passione (gli sport o i giochi che pratica).
Come si conquista: con l’allegria, giocando e scherzando moltissimo, ridendo alle sue battute, lasciandosi prendere in giro e prendendolo in giro.
Cosa cerca: una donna pratica che si occupi di quello che lui non ha voglia di fare (ovvero tutto, tranne giocare), che sia sempre allegra e abbia sempre voglia di fare un sacco di cose.
Cosa non sopporta:
le donne altezzose e difficili, le persone serie.

Tratto da "Preso nella rete" di Mafe de Baggis – Luca Vanzella, Morellini Editore

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Uomini che non sanno crescere: l’eterno Peter Pan