Interpretare il silenzio è un’arte che pochi conoscono

E tu, sai ascoltare anche le cose non dette?

Poche cose spaventano come il silenzio, soprattutto quando viviamo i momenti scanditi dall’assenza di parole all’interno dei rapporti e delle relazioni. Perché ci hanno insegnato che l’assenza di dialogo equivale alla mancanza di comunicazione e di conseguenza, senza questa, il tutto è destinato a finire. E se così non fosse?

Tutti abbiamo differenti modi di comunicare, e se è vero che c’è chi riesce a dar voce alle proprie emozioni attraverso le lacrime, le grida e le parole, è altrettanto vero che qualcun altro potrebbe non riuscire a farlo. E al contrario, potrebbe proprio scegliere il silenzio come strumento di comunicazione. Ecco perché, piuttosto che trarre conclusioni affrettate e spesso sbagliate, sarebbe opportuno provare a capire cosa si nasconde dietro le cose non dette.

In un rapporto a due, che si tratti di una storia d’amore, di un amicizia o di un legame familiare, è importante sapersi sintonizzare con l’altro, anche quando a mancare sono le parole. Molto spesso infatti, tendiamo a interpretare il silenzio con le nostre paure e le fantasie dando quindi adito a situazioni conflittuali.

E se fosse invece quello, solo uno strumento di comunicazione mal compreso? La prima cosa che tendiamo a fare di credere che la mancanza di dialogo sia un segno di rifiuto o volontà a non condividere le emozioni e i sentimenti, ma ammettiamolo, è davvero facile ingannare una persona quando si sta zitti.

Certo, interpretare il silenzio non è sempre facile e richiede fiducia e conoscenza nei confronti dell’altra persona, ma ci vuole anche pazienza e empatia per provare a comprendere cosa sta accadendo nel cuore e nella mente di chi amiamo. Difficile sì, ma non impossibile.

Comprendere il silenzio è un’arte che mette alle prova prima di tutto noi stesse, le nostre insicurezze e i desideri. Bisogna avere grandi doti e virtù per comprendere gli altri, per capire se c’è una richiesta d’aiuto in corso, anche se questa non è stata esplicitata.

Se non riusciamo ad ottenere le risposte alle nostre domande, se chi abbiamo accanto preferisce la solitudine al dialogo, sediamoci al suo fianco e ascoltiamolo, perché il silenzio, a volte, fa più rumore di ogni altra cosa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Interpretare il silenzio è un’arte che pochi conoscono