Guardarsi allo specchio e non piacersi: perché non sono come Belen?

Quando lo specchio diventa acerrimo nemico, il riflesso della mancata accettazione di sé, anche i piccoli difetti sembrano orrori di cui vergognarsi.

Anita Richeldi

Anita Richeldi Sensual Coach

Ti guardi allo specchio e non ti piaci: le cosce grosse, la cellulite, la pancetta, le braccia poco toniche e poi non parliamo del viso, con le rughe, le occhiaie, quelle orribili macchie!
Insomma, un vero schifo.

Inutile che ti dica che l’approccio è totalmente sbagliato. Ma è altrettanto vero che gli stimoli a cui una donna è sottoposta ogni giorno dai media, la portano ad ambire a modelli di perfezione assoluta.

Perché non sono come Belen?

Amica mia, ricordati che:

1 – Di Photoshop e filtri Instagram vivono top model e Instagramer. Basti pensare alla notizia diffusa durante l’ultima settimana dalla moda milanese, secondo cui la cliccatissima Emily Ratajkowski (@emrata) sarebbe sì una ragazza carina ma niente di così strabiliante.

2 – Le più grandi bellezze femminili che i magazine di moda e gossip abbiano mai ospitato sono donne affascinanti, certo, ma non certo prive di imperfezioni.

E quindi? È tutta questione di fascino.

Ognuna di noi è fatta a modo suo e deve prima di tutto riconoscere qual è il suo punto di forza, per poi valorizzarlo.

Lo specchio è tuo amico

Non dimenticare lo sguardo: gli occhi sanno comunicare – e soprattutto sedurre – meglio di qualsiasi altra parte del corpo.

Anche le labbra, le mani, la gestualità, il tono di voce possono contribuire a rinforzare il fascino che emana dalla tua figura.

Quando hai 5 minuti di tempo e ti ritrovi sola davanti allo specchio, lavora su questo punto. Sì, esatto, un po’ come facevi quando eri bambina e inscenavi il primo bacio con quel ragazzino che ti piaceva così tanto.

Cosa puoi fare per te stessa

Il fatto di non piacerti non deve essere un ostacolo ma l’ispirazione per migliorarti, per iniziare a pensare a te stessa seriamente.

Ecco qualche semplice trucco:

1 – Venera il tuo corpo

Prenditi cura del tuo corpo, praticando attività fisica con regolarità. No, non ti sto tirando il solito pippone primaverile sulla prova costume imminente, ma ti sto proponendo uno stile di vita che ti farà stare meglio con te stessa.

Vedere il tuo corpo che si tonifica giorno dopo giorno è estremamente benefico anche per la tua mente.

La serotonina che viene stimolata dopo lo sforzo fisico, ti regalerà la carica positiva necessaria per affrontare la vita a testa alta.

E con un mood simile, chi ti potrà più fermare ? Sicuramente non uno specchio!

2 – Fatti venerare

Anche le attenzioni degli altri – soprattutto del tuo partner – danno man forte alla tua autostima.

Se ti senti trascurata, abbi il coraggio di parlargliene. Pretendi di essere coccolata e anche un po’ adorata. Non c’è niente di meglio che un uomo che ti tratta da regina, per farti sentire bellissima, anche davanti a uno specchio, anche – e soprattutto – con i tuoi difetti.

Parola di sensual coach 😉

Guardarsi allo specchio e non piacersi: perché non sono come Belen?
Sensual Coach Anita Richeldi: I consigli

Anita Richeldi Sensual Coach Anita Richeldi, pioniera dell'informazione su web, nasce come blogger nel 2008 e prosegue la sua carriera come project manager per grandi colossi del digitale. Nel 2014, torna al suo primo amore, la scrittura, fondando il blog Comemisvesto.it, una guida sensuale e di stile rivolta al mondo femminile di cui è esperta conoscitrice. Si definisce ormai una sex blogger e, a richiesta, svolge consulenze a donne, che hanno necessità di migliorare la propria autostima, risvegliare i propri sensi, migliorare l'affinità di coppia o anche solo organizzare una serata piacevole e dinamica con il proprio partner. http://www.comemisvesto.it

Guardarsi allo specchio e non piacersi: perché non sono come Bel...