L’evoluzione umana non è finita e premia i playboy

Darwin è ancora attuale e la sua teoria sull‘evoluzione della specie sempre valida e in funzione, sostiene un gruppo di ricercatori. Non solo: nella selezione darwiniana gli uomini e le donne non sarebbero affatto uguali.

"Gli uomini che si accoppiano con successo e facilità sono più favoriti rispetto alle donne con le stesse “doti”,  perché le caratteristiche maschili tenderebbero a evolversi più velocemente – a parità di condizioni – di quelle femminili" spiega uno dei ricercatori dello studio, Alexandre Courtiol di Berlino.

E non finisce qui. Pare sia molto meglio avere più partner che una relazione stabile, soprattutto se si è maschi.

Ecco premiato l’uomo “casanova” e farfallone: "perché è stato dimostrato che accoppiarsi con più partner aumenta il successo riproduttivo più negli uomini che nelle donne".

Anche le ricerche sono dunque maschiliste?

Questo è ciò che emerge dallo studio finanziato dall’European Research Council e dalla Kone Foundation. Il gruppo internazionale – con scienziati del Regno Unito, della Germania e della Finlandia – ha analizzato i dati dei registri parrocchiali di circa 6mila finlandesi nati fra il 1760 e il 1849, per capire se i cambiamenti tecnologici, culturali e demografici della rivoluzione agricola avessero influenzato la selezione naturale e sessuale della specie.

Le conclusioni sono sorprendenti: la razza umana sarebbe in continua evoluzione proprio come tutte le altre, e la selezione colpirebbe i ricchi e poveri nella stessa misura.

Largo quindi ai dongiovanni, non importa il conto in banca.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’evoluzione umana non è finita e premia i playboy