Eva contro Eva: la rivalità al femminile

Le donne intelligenti non combattono tra di loro, ma si uniscono per sconfiggere le grandi battaglie

C’è stato un tempo in cui abbiamo pensato che il mondo delle relazioni potesse essere tutto rosa e fiori, e che ci fosse una qualche magia tra i legami delle protagoniste dell’universo femminile. Una speranza di solidarietà e sorellanza che però è svanita in fretta perché sin dall’infanzia abbiamo scoperto cosa vuol dire combattere, o subire, quei piccoli soprusi mossi dalle nostre “amiche” per dimostrare che una è meglio dell’altra.

E crescendo così, inevitabilmente abbiamo imparato a rispondere con la stessa moneta, cadendo in quel circolo vizioso che ancora oggi contraddistingue la nostra quotidianità, ma soprattutto l’intera società.

Perché la rivalità è oggi più vivida che mai, anzi, sembra quasi una prerogativa dell’essere femminile. Provate a chiedere un po’ in giro cosa si dice di noi donne: vi racconteranno che non siamo in grado di instaurare un’amicizia reale, che ci confrontiamo sempre con le altre fino a entrare in competizione per dimostrare chi è la migliore.

Ogni rapporto è quindi mosso dall’avidità e dall’invidia, come dimostra il bellissimo film Eva contro Eva, una pellicola dolcemente spietata che delinea in maniera raffinata e pungente il ritratto psicologico delle relazioni femminili e della loro competitività.

Eppure, non possiamo generalizzare; non possiamo semplicemente parlare di un gruppo di donne come un covo di serpi, perché se è vero che la rivalità e l’odio tra persone dello stesso sesso esiste, è vero anche che c’è una parte di questo universo che sa essere solidale, gentile ed empatico. Ed è quella che più ci rappresenta, è quella che ci inorgoglisce di appartenere alla categoria.

Certo ci sono i confronti e a volte anche i grandi litigi, ma le donne sono dotate di grande sensibilità e solo loro sono capaci di creare delle relazioni forti e profonde, gentili e rispettose.

L’invidia e la competitività ci sono state insegnate sin da bambine, ma crescendo molte di noi abbiamo imparato che invece essere solidali, anche tra donne, può essere una vera scoperta. Perché le donne intelligenti non sono quelle che si fanno la guerra, al contrario, sono quelle che si uniscono per combattere le più grandi battaglie, quelle contro una società che le ostacola.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Eva contro Eva: la rivalità al femminile