Donne allo specchio, la lotta al cancro raccontata in una mostra fotografica

Claudia Farnedi racconta, attraverso una serie di toccanti fotografie, la lotta al cancro dal punto di vista delle donne

Sempre più donne lottano contro il cancro, anche tra i vip, confrontandosi quotidianamente con paure, dubbi, sofferenze fisiche, ma anche mentali, dovute alla convivenza con una malattia così grave.

Difficile è immedesimarsi in loro, quasi impossibile comprendere quello che vivono sulla propria pelle, forse solo gli artisti, attraverso il loro linguaggio simbolico, possono fare da ponte. Ed è proprio questo che ha tentato di fare Claudia Farnedi, fotografa e designer dall’anima fantasiosa, che nella sua arte racconta mondi sommersi come la violenza sulle donne, l’omofobia, la discriminazione di genere, e ora anche la lotta contro il cancro, vissuta da un punto di vista tutto femminile.

Non per escludere gli uomini ovviamente, ma vivere il cancro da donna ha implicazioni diverse, e la Farnedi desiderava mostrarle al mondo, scoperchiarle, per rendere visibile l’invisibile, aiutando gli spettatori a osservare da una prospettiva nuova, una malattia come il cancro e le conseguenze sul fisico di una donna. Le fotografie, che hanno immortalato le donne coinvolte nel progetto, sono state scattate durante i laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico, promossi in tutta Italia da “La forza e il sorriso“, ospitati dall’Istituto Oncologico Romagnolo (IOR) a Cesena, Rimini e Ravenna.

Ed è forse il fatto di averle colte proprio in un momento diverso, dedicato alla cura di se stesse e non alla malattia, ad aver reso questi scatti – intitolati “Donne allo specchio: la bellezza viene da dentro” – così speciali. Non è stata una scelta casuale, Claudia Farnedi ha infatti affermato di aver voluto cogliere il loro sguardo, dopo che avevano riconquistato la propria femminilità, attraverso i segreti di bellezza appresi nel laboratorio. E la differenza era evidente, perché in quegli occhi si intravede una lucentezza singolare.

Soprattutto per le donne, riuscire a prendersi cura della propria estetica nonostante il tumore, che tende a imbruttire, è molto importante, come spiegato dal Direttore Generale dello IOR, Fabrizio Miserocchi. In fondo è un modo per dimostrare di essere più forti della malattia, ed è per questo che i laboratori di bellezza, in queste circostanze, sono tutt’altro che superficiali o fuori luogo. Aiutano le donne a guardarsi di nuovo, a vedersi belle, e di conseguenza ad avere meno paura dello sguardo esterno, che emargina senza accorgersene.

Il racconto per immagini della Farnedi, inserito nel progetto InDifferenze, che promuove attività educative ed eventi sul tema della violenza e discriminazione femminile, verrà esposto dal 13 al 19 maggio in una mostra, su 10 pannelli 50×50, presso il Centro Commerciale Montefiore di Cesena.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Donne allo specchio, la lotta al cancro raccontata in una mostra ...