Istantanee di dolore: “Ho abortito e il mio corpo si è immobilizzato”

"Quando perdi un bambino prima di metterlo al mondo, il tuo corpo si arresta. Non ha funzioni da assolvere. Nessuno da sfamare. E tu sei sola… bloccata"

Spesso per parlare del dolore ci affidiamo alle parole della scienza, dei medici e degli esperti, per dare un senso alle trasformazioni del corpo e della mente che inevitabilmente si ritrovano a difendersi dal trauma di un aborto spontaneo. Altre volte, per paura di far sanguinare una ferita ancora dolorante, preferiamo non parlare, chiudendoci nel dolore solitario dei nostri giorni. E invece non siamo sole, non lo siamo mai.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Istantanee di dolore: “Ho abortito e il mio corpo si è immobili...