Chiedere scusa non basta se non si è disposti a cambiare

Ti perdono. Ma lo faccio per me. Perché non posso accettare le solite scuse se non sei disposto a cambiare davvero

Mi hanno insegnato a perdonare. Io ho imparato. Non è stato facile, soprattutto quando la rabbia prendeva il sopravvento su tutto, annebbiava ogni cosa, anche la mia razionalità. Lei che trovava terreno fertile, io che la lasciavo entrare dentro di me perché sapevo che solo così avrei sentito qualcosa di diverso dalla sofferenza e del dolore.

Poi ho smesso di arrabbiarmi. Ho capito che questo sentimento avvelenava un cuore già troppo sofferente. Così ho imparato ad affrontare il dolore e a perdonare. Ma l’ho fatto per me e non per tutte quelle persone che chiedevano scusa, dopo aver sbagliato, per poi commettere sempre gli stessi errori.

Perché ora l’ho capito che è inutile dispiacersi di qualcosa, se dispiaciuti non lo si è realmente. Perché tutti possiamo sbagliare. Anche io l’ho fatto. E non posso essere io a giudicare chi merita il perdono o chi ha diritto di vedere assolvere i suoi sbagli. Anche se quelli mi hanno spezzato il cuore.

Ma sono io a scegliere se quei sbagli devono condizionare ancora la mia vita. E oggi so che non lo voglio. Perché quelle persone hanno spezzato il mio cuore e tradito la mia fiducia. Perché ho commesso l’errore di credere in quelle scuse con l’illusione che tutto sarebbe cambiato. Salvo poi diventare vittima di quella stessa scelta e subire gli ennesimi errori, le stesse parole di sempre e le frasi fatte.

Ho scelto quindi di perdonare per non essere invasa dalla rabbia, per non avvelenare la mia anima. Però io quelle scuse non le posso accettare più, non senza l’intenzione di cambiare. Chiedere scusa è un atto davvero nobile che, se sincero, può trasformarsi nel primo passo per ricominciare, per ricostruire un rapporto di fiducia e rispetto, lì dove è mancato.

Ma non sempre basta. Non basta quando non si è disposti a tornare sui propri passi, a comprendere davvero dove sta l’errore. Non basta se non si vuole cambiare. Perché poi cambiare non deve essere un dovere, ma un volere. E se non si è disposti a farlo, forse basterebbe semplicemente ammetterlo.

Perché le buone intenzioni non bastano, ci vogliono i fatti. Al contrario, sarebbe meglio non chiedere scusa, a volte. Per non rischiare di illudere, di far soffrire e di mietere altre vittime.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Chiedere scusa non basta se non si è disposti a cambiare