Che direzione vuoi dare al nuovo anno?

Qualche piccolo consiglio per fissare da subito gli obiettivi per il nuovo anno

Dott. Massimo Vidmar

Dott. Massimo Vidmar Psicologo, Psicoterapeuta

L’inizio dell’ anno, inevitabilmente, è il momento per propositi futuri. E’ il calendario stesso ad imporcelo.
Un altro anno è passato e, magari, solo una parte di quello che ci si era proposti è stato realizzato, oppure è nostra intenzione cambiare totalmente i nostri obiettivi … anno nuovo, vita nuova – proprio come dice il detto.

Visto che in qualche modo tutti si immaginano come sarà l’ anno nuovo – in termini di mete da raggiungere, perché non farlo in un modo più strutturato del solito? Perché non prendere un vero e proprio impegno con Sé, dato che in ogni caso, quell’idea, quel desiderio, quell’aspettativa, ci continuano a ronzare nella testa?

Vi propongo quindi una serie di semplici azioni da realizzare, per fare in modo che i vostri propositi non rimangano tali, ma si trasformino in veri e propri obiettivi:

Dedicare uno spazio e un tempo agli obiettivi dell’anno
E’ importante scegliere bene il luogo in cui dedicarci alla stesura degli obiettivi: può essere uno spazio in casa dove non ci siano distrazioni e interruzioni (spegnete telefono e collegamento a internet), oppure un altro luogo a voi particolarmente caro, che susciti calma, rilassamento e concentrazione. Riservatevi qualche ora del vostro tempo, senza l’ansia di dover svolgere altri impegni. Un tempo riservato a voi, dove gli altri non dovrebbero entrare. Io personalmente spendo una intera giornata per la stesura degli obiettivi, tuttavia anche una mezza giornata può essere sufficiente. Potete dedicare anche più momenti separati, ma che non siano più di tre, altrimenti rischiate di perdere concentrazione e focalizzazione.

Focalizzare le priorità
Significa distinguere ciò che è importante, da ciò che non lo è. Ciò che veramente è importante per noi ci dà piacere, senso di soddisfazione, entusiasmo, sviluppa la nostra creatività e libertà. Ciò che da subito è vissuto come peso, fatica, impegno e sacrificio, non potrà rientrare nelle nostre priorità. L’impegno, che sarà fondamentale nel “momento di realizzare”, non è l’elemento che ci dovrà guidare in questa fase del percorso. Per fare chiarezza nei meandri delle 1000 possibilità di realizzazione personale, consiglio di usare “tecniche di rilassamento” o “esercizi di ascolto del respiro” per focalizzarci su di noi, per creare uno spazio di vuoto e centratura, per distaccarci dalle distrazioni del quotidiano, ricollegarci con il nostro spazio di intimità.  Una volta dentro una dimensione di calma e centratura, sarà più facile individuare le priorità, le cose che veramente desideriamo per il nostro benessere.  Esistono delle “tecniche di focalizzazione” (basate sull’uso delle visualizzazioni) sviluppate per aiutarci ad individuare con chiarezza i nostri obiettivi.

Scrivere
Non si può prendere un impegno con se stessi, se non lo si scrive. Perciò, per pianificare gli obiettivi da realizzare nel nuovo anno, ci sarà bisogno di carta e penna (solo successivamente potranno essere trasferiti in formato digitale). A prescindere dal livello di dettaglio con cui scrivere le proprie affermazioni, ci sono due indicazioni di base che vorrei sottolineare: 1) parlare in prima persona; 2) utilizzare il tempo presente. Evitare di usare il condizionale (voglio, al posto di vorrei) o il futuro (faccio al posto di farò) o le negazioni. Parlando in prima persona e con affermazioni in positivo, do’ una maggiore forza alla mia intenzione, volendola realizzare da subito (tempo presente del verbo).

Identificare e suddividere le aree importanti per la vostra vita
Nella scrittura degli obbiettivi è importante identificare le aree più importanti per la propria vita: obiettivi nelle relazioni, obiettivi rispetto alla salute, obiettivi professionali, tempo libero e svago, denaro. Questi, per esempio, i settori che io considero sempre. Naturalmente ognuno può aggiungere altre aree tematiche su cui puntare. Per ogni area consiglio di descrivere un obiettivo in generale e alcuni più specifici (per es. nelle relazioni: in generale, rapporto di coppia, famiglia, amici, colleghi/soci d’affari).

Prefigurare
Una volta completata la stesura di tutti gli obiettivi, rileggeteli uno alla volta e, mentre lo fate, immaginate di vedere il singolo obiettivo concretizzato: fissate e ri-fissate il progetto nella vostra mente per vedere se vi soddisfa o c’è da cambiare qualcosa; potete quindi fare delle correzioni nella stesura e aggiungere anche dei disegni (se questa forma espressiva vi aiuta). Rileggete gli obiettivi più e più volte e con una certa regolarità (per es. una volta a settimana), perché ciò vi darà la spinta per passare all’azione.

Mettere in pratica
Realizzare, passare all’azione. Questo passaggio fondamentale, rappresenta un capitolo a parte, che non è argomento di questo articolo. Probabilmente affronterò il tema in futuro.
Nello stilare gli obiettivi dell’anno vi possono essere utili le indicazioni che ho dato in questo articolo in merito al raggiungimento dei propri obiettivi personali.

Che vogliate o meno utilizzare questi semplici strumenti che ho presentato, auguro a voi un fantastico 2018, in cui possiate esprimere al meglio le vostre potenzialità, vivere nel benessere, nella gioia e nella felicità!

Che direzione vuoi dare al nuovo anno?

Dott. Massimo Vidmar Psicologo, Psicoterapeuta Esperto nella Valutazione e Gestione dello Stress e in Tecniche di Rilassamento. Si occupa inoltre di Demenze Senili, Coaching, Psicologia dello Sport. Conduce Training Motivazionali per lo Sviluppo dell' Assertività e del proprio Potenziale.

Che direzione vuoi dare al nuovo anno?