Il cervello ricorda meglio se respiri con il naso

Respirare con il naso aiuta il cervello a ricordare cose che non ci vengono in mente immediatamente

Quante volte vi sarà capitato di non ricordare cose accadute poco prima? O di non sapere chi è che vi stava salutando calorosamente?

Scommettiamo tante. È una cosa normale, quasi un cliché divertente cui fare riferimento quando si parla con gli amici. Queste momentanee perdite di memoria fanno sorridere (“non puoi capire, ho parlato due ore con un ragazzo e non ricordo chi sia”), ma in realtà forse bisognerebbe attrezzarsi per evitare che accadano. Come? Utilizzando il respiro. Secondo una ricerca condotta dalla Northwestern University, degli Stati Uniti, le persone possono recuperare la memoria iniziando a respirare lentamente dal naso. Non dalla bocca, dal naso. Gli studiosi hanno notato, tramite alcuni esperimenti, che il ritmo del respiro può mettere in sincrono le varie attività del cervello e recuperare i ricordi perduti. Insomma, è come se tramite la respirazione diradassimo una nebbia, avendo così più chiaro il quadro generale di fronte a noi.

Lo studio è stato effettuato su sette persone affette da epilessia. Grazie a degli elettrodi impiantati nel cervello è stato notato che il respiro scatena delle azioni nelle aree delle emozioni, della memoria e degli odori. Vengono stimolati i neuroni della corteccia olfattiva, dell’ippocampo e dell’amigdala e questo avviene proprio quando una persona prende fiato. Anche per questo molti corsi di meditazione, che vanno a stimolare le attività cerebrali, si basano proprio sulla respirazione. Ed è proprio questo che ha registrato lo studio.

Insomma, la prossima volta che per strada vedete una persona che vi saluta e non la riconoscete, provate a fermarvi un secondo e a respirare dal naso. Quest’attività dovrebbe far sì che ricordiate esattamente chi sia e le circostanze nelle quali vi siete conosciuti. Certo, potrebbe anche succedere che questo non avvenga. Ma sicuramente ci sono maggiori probabilità di successo se si agisce con la giusta calma.

Il cervello è uno dei misteri più grandi del corpo umano. Gli scienziati non smettono mai di scoprire cose nuove su questo organo e ci sono alcune aree che ancora sono pressoché sconosciute ai ricercatori. C’è chi dice addirittura che, un domani, potremmo capire come sviluppare abilità come il teletrasporto o la telecinesi. Forse qui siamo nell’ambito della fantascienza, ma chissà: non si smette mai d’imparare.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il cervello ricorda meglio se respiri con il naso