Quei tuoi insopportabili difetti che ho imparato ad amare più di ogni cosa

Ti amo non per le cose che abbiamo in comune, ma perché sono perdutamente innamorata delle nostre differenze. Le stesse che ci rendono unici

Ho imparato ad amare, mi hai insegnato ad amarti e l’ho fatto nel modo più inaspettato possibile. È successo proprio quando avevo chiuso a chiave tutte le strade che portavano lì, nel mio cuore, perché semplicemente avevo smesso di credere in quello che è il sentimento più potente del mondo.

“Non fa per me”, mi ripetevo ogni notte sola nel mio letto, concedendomi solo qualche incontro fugace perché si sa, la solitudine sa essere davvero una cattiva compagnia a volte. Il principe azzurro e tutto quello che riguardava il lieto fine, invece, lo avevo relegato ai film romantici e a qualche romanzo che ancora mi concedevo. Ma l’amore, quello vero, no, non faceva più per me.

E poi sei arrivato tu. Ho visto il tuo riflesso in una vetrina di un negozio, lo stesso che ci ha fatto incontrare e scoprire. Non abbiamo parlato molto in realtà, ma ci siamo osservati nei modi, nei gesti, gli stessi che non capivo perché estremamente lontani dal mio modo di essere.

Ecco, ti avevo già trovato dei difetti, prima ancora di conoscere il tuo nome. Eppure ci siamo innamorati, senza doverci spiegare e oggi sono qui a rimettere in discussione tutto quello che credevo sull’amore.

Una cinica spietata e un introverso che hanno imparato ad amare e ad abbracciare i difetti dell’altro, prima che dei pregi. Una magia che sembra non avere fine, che ci permette di essere sempre noi stessi perché ci amiamo senza frottole e finzioni così, chiacchieroni e silenziosi, spettinati e permalosi.

Ho imparato ad amare e l’ho fatto vivendo fuori dal mondo ideale dei cartoni della Disney, ho imparato ad accettarti incondizionatamente senza idealizzazioni e cieche aspettative. Ti amo non perché abbiamo delle cose in comune, ma perché sono profondamente innamorata delle nostre differenze.

Ho capito che i tuoi difetti sono la cosa più bella del mondo perché sono quelli che ti rendono unico. Ho capito che nulla è insopportabile o non tollerante quando si parla di te, dei tuoi modi di essere o di fare. Perché quando ci sei tu, io ascolto la mia musica preferita, quella che proviene dal battito del tuo cuore.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quei tuoi insopportabili difetti che ho imparato ad amare più di ogni...