Lo straordinario rapporto dei cani con gli umani

Il rapporto dei cani con gli umani è straordinario e va oltre l'immaginazione: oggi lo vedremo dal punto di vista del quattro zampe

Sono un cane e dunque non esiste nessuno più qualificato di me nel raccontarvi lo straordinario rapporto dei cani con gli umani. Diciamolo, voi bipedi potete solo arrivare ad afferrare brevemente ciò che noi proviamo. Non significa che io mi senta superiore: semplicemente io vivo ogni giorno il mio essere, mi conosco e posso raccontarlo meglio.

Recentemente mi sono presentato a voi e scommetto che avete pensato che sono un tipo molto interessante. Ok, avete ragione, me lo sono detto da solo, però dai, sono un ottimista e sono certo che qualcuno che mi trova interessante esista davvero. Altrimenti diciamolo, starei perdendo tempo a scrivere e non sarebbe bello. Ora vi farò un elenco dei motivi per cui il mio rapporto con i bipedi è così speciale. Pronti? Via!

Evoluzione e vicinanza

Io sono l’animale più vicino agli umani che esista al mondo. Sono così vicino da essere riuscito a evolvermi con gli umani. Questo ve lo avevo già raccontato, ma è una cosa così clamorosa che vale la pena ripeterla.

Io sono un animale, lecco le pipì per aggiornarmi sui fatti del mondo, mi rotolo in cose puzzosissime e schifosissime per sentirmi più attraente, mangio di tutto, anche cose innominabili, faccio buchi nella terra per nascondere i miei tesori, odoro e lecco i popò degli altri cani per capire chi sono, eppure vivo normalmente nel mondo degli umani.

La mia vicinanza agli umani è tale che è normale che, giusto per fare qualche esempio, prendo il tram oppure la metropolitana (non da solo però, anche se qualcuno di noi lo saprebbe anche fare) oppure che vado in barca. Ancora, vado in ascensore o in automobile o sulla bicicletta o anche sulla moto (se guida un umano però, se no sto fermo). Sono anche sensibile a quello che succede alla televisione e, diciamolo, mi piace dormire sul letto e usare il cuscino.

Adattamento

Sapete perché tutto ciò è così normale da essere scontato? Perché mi sono adattato al vostro mondo e sia voi sia io ci siamo abituati a tutto ciò. Eppure, se ci si riflette su un secondo, ci si rende conto che la normalità del mio vivere nel mondo degli umani è un fatto eccezionale.

In natura (anche se non è giusto parlare di natura… perché il mio posto è accanto a voi) non sarei certo in grado di fare certe cose. E ci sono animali che di sicuro non si sarebbero adattati così bene: riuscireste a immaginare un pesce rosso che viene in tram con voi?

Capacità di distinzione

Basterebbe questo per spiegare quanto è speciale il rapporto tra me e gli umani, ma c’è di più. Per me gli umani non sono tutti uguali. Ai miei occhi non c’è L’Umano: ci sono tanti umani diversi e so distinguerli dal viso.

Anche voi avete le orecchie, gli occhi, la bocca, e il naso come me, ma credo che possiamo concordare che l’effetto finale della loro combinazione è diverso tra me e voi. Nonostante siate diversi da me, io vi so riconoscere e vi so distinguere, anche solo dal viso, anche solo da una parte di viso.

Comprensione e comportamento

Io imparo a comportarmi dagli umani con cui vivo. Ovvio, potrebbe commentare qualcuno, ti educhiamo e tu fai quello che ti diciamo di fare. Mica è così facile, no no: Io imparo anche cose che non sapete che mi state insegnando, perché vivo osservandovi. E percepisco come vi sentite e mi comporto in base a quello che vedo e sento da voi.

Io lavoro con e per gli umani. Per esempio sono guida per i privi di vista, sono perfetto per la pet therapy, entro in Polizia, nell’esercito, nella Guardia di Finanza. Lavoro con la Croce Rossa, faccio soccorso alpino e sono un alleato validissimo per la Protezione Civile e per i Vigili del Fuoco. E vogliamo parlare dei miei salvataggi in acqua, del mio senso di protezione e di quando faccio la guardia?

Compagnia

Le doti che vi ho elencato sono belle, ma anche quando vi faccio della “semplice” compagnia non scherzo. Dico semplice tra virgolette perché in realtà di semplice non c’è nulla. Basti pensare che nei posti dove sono apprezzato si vive meglio e che gli umani che mi stanno vicino sono più contenti e stanno meglio sia fisicamente sia psicologicamente.

Pensate, è sufficiente stare in una stanza con me, senza nemmeno accarezzarmi, perché negli umani presenti si abbassi il livello di stress. Non lo dico io per darmi le arie, sono tutte cose dimostrate scientificamente. E vogliamo parlare poi del rapporto che abbiamo con i bimbi? Dal sostegno che diamo ai piccoli che hanno difficoltà ad imparare a leggere all’aiuto ai bimbi con vite difficili?

Sono tutte rose e fiori? Ovvio che no, ma di quello vi parlerò in un’altra occasione. Ora chiudo solo con una considerazione, un invito se volete. Io dipendo totalmente dagli umani. In tutto. Dal mangiare alla sicurezza, dal conforto alle amicizie, dal divertimento alle soddisfazioni, dal benessere psicologico al benessere fisico. Vi prego, trattatemi bene.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lo straordinario rapporto dei cani con gli umani