La profilassi stagionale nel cane

Avere cura del proprio cane significa anche preservarlo dalle malattie più aggressive. La veterinaria ci spiega come agire

Sabrina Romani Medico Veterinario

Avere cura del proprio cane significa anche preservarlo dalle malattie più aggressive, come ad esempio la Leishmaniosi, in grande aumento in questi anni. Le vaccinazioni sono molto importanti per il benessere del cane ed è necessario non sottovalutare questo aspetto per assicurare a lui e a chi gli sta vicino la giusta protezione dalle malattie che potrebbe contrarre.

La dottoressa Sabrina ci spiega quanto è importante strutturare una profilassi in maniera mirata, poiché si tratta dell’uso di farmaci (molti dei quali soggetti all’obbligo di ricetta elettronica veterinaria) che hanno un impatto sull’organismo ed anche sull’ambiente.

I principali parassiti esterni verso i quali è importante effettuare una profilassi sono pulci, zecche, acari, zanzare flebotomi o pappataci. La presenza di questi insetti varia in rapporto ai cambiamenti climatici e in relazione alla regione di appartenenza. Per esempio, la malattia della Leishmania, tramessa dai flebotomi, una tempo era praticamente assente nel nord d’Italia ma oggi è sempre più frequente.

Le principali malattie trasmesse da pulci e zecche sono la borreliosi o malalttia di lyme, l’encefalite da zecche, l’erlichiosi, l’anaplasmosi e la babesiosi, la bartonellosi, la rickettsiosi e le tenie. La trasmissione di questi patogeni avviene attraverso la saliva dell’insetto infetto, mentre le zanzare trasmettono la filariosi cardio- polmonare.

Per seguire la pillola di Come cani e gatti, “Profilassi stagionale nel cane”, clicca e ascolta qui:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La profilassi stagionale nel cane