Cani sul letto? Anche sì!

Diffidare di chi dice che non bisogna far salire il cane sul letto. Dormire insieme è un'ottima idea per tanti motivi

Tra miti e leggende, tra saccenti e sapienti, la domanda del giorno è: il cane può salire sul letto? E qui si avvia un turbinare di risposte impacciate e scorrette, prima tra tutte quella che paventa che il cane non possa salire perché questo gesto è un atto di “dominanza”.

Di fatto, metà dei proprietari di cane dorme con il quadrupede sul letto, mentre l’altra metà allestisce cucce e tiene le distanza: una stessa realtà e due posizioni opposte. Ce n’è una giusta e una sbagliata o sono giuste entrambe? Sorpresa: una è sbagliata ed è la prima.

Infatti non è vero che i cani vogliono salire sul letto perché sono dominanti e non è vero che permetterglielo vuol dire avallare il loro piano di controllo del mondo (cioè farsi sottomettere da loro). I cani (non tutti, poi, ci sono quelli a cui non piace) vogliono salire sul letto dei loro umani per motivi che non hanno niente a che vedere con la dominanza.

I benefici per i cani

Dicevamo che i motivi dei cani non hanno nulla a che fare con la dominanza, ma vogliamo essere più precisi: sono anche tenerissimi. Ecco quali sono:

  • Lo trovano comodo: ebbene sì, anche i pelosetti amano le comodità e hanno le loro preferenze in fatto di comfort. Per tanti di loro il letto degli umani è il posto migliore che esista. E come biasimarli?
  • Amano il caldo: anche i cani come gli umani possono essere freddolosi. Tanti di loro cercano sistemazioni dove sentirsi caldi e accuditi e il letto degli umani, possibilmente con i proprietari dentro, offre calore e affetto.
  • Si sentono sicuri: Per i cani la vicinanza fisica con i loro umani è fonte di sicurezza e di serenità. Stare insieme nel letto li fa sentire bene. Vogliono stare vicini, vicinissimi, ai loro umani: alcuni, tanti (ma non tutti) cani amano essere incollati ai loro umani e nulla favorisce l’appiccicosità come dormire insieme.

Insomma, il cane beneficia della salita sul letto, ma non perché così controlla l’umano. Ne beneficia perché rafforza il suo legame con lui.

Quali sono i benefici per gli esseri umani?

E gli umani beneficiano in qualche modo dal condividere il letto con il peloso (o i pelosi) di casa? Certamente sì. È scientificamente provato che con il cane vicino si dorme meglio. I cani riducono lo stress, aiutano a rilassarsi e grazie alla loro presenza ci si addormenta prima e si piomba in un sonno sereno.

Inoltre, dormire insieme fa bene anche al binomio cane-umano: la vicinanza fisica contribuisce alla vicinanza emotiva e affettiva e aiuta a rafforzare la relazione umano-canina: non è un caso che tanti tra i migliori educatori cinofili dormano con i loro pelosi sul lettone.

Devo dormire con il cane?

Ovviamente dormire con il cane sul letto non è obbligatorio. Chi vuole lo fa e chi preferisce non farlo non lo fa e va bene così, ci sono tanti modi per dimostrarsi affetto e per rafforzare la relazione. Ogni umano e ogni cane ha i suoi gusti e le sue preferenze e ci sono tanti motivi per cui si decide di non dormire insieme.

Eccone alcuni:

  • Può succedere che nonostante l’umano desideri avere il peloso sul letto, il cane non abbia alcuna intenzione di starci;
  • Ci sono cani che russano così forte che rendono impossibile dormire vicino;
  • Ci sono cani che hanno un odore molto forte e non è detto che si possa essere contenti di averli sulle lenzuola;
  • Nonostante siano ben puliti e spazzolati comunque i cani si portano un po’ di agenti esterni in casa e non tutti sono contenti che questi agenti esterni arrivino sul letto.

Insomma, sapendo che dormire insieme può essere bellissimo, ognuno sceglie come preferisce.

Va sempre bene che il cane dorma sul letto?

Ma va bene che il cane dorma sempre sul letto? La risposta è no, ci sono situazioni che richiedono un’attenta gestione. Una particolarmente delicata nasce quando per il cane il letto è una risorsa di grande valore per cui entra in competizione con gli umani per controllarlo.

Questo lo porta a difenderlo se lo sente in pericolo, impedendo agli umani di avvicinarsi e attaccando chi non si tira indietro continuando, ai suoi occhi, a minacciare la sua preziosa risorsa. Non si tratta di dominanza ma di risorse, è un comportamento che deve essere corretto (è di quelli che rende la convivenza veramente difficile, per non dire insostenibile).

In questi casi serve il sostegno di un un educatore cinofilo professionista, serio e preparato che condurrà cane e proprietario a migliorare la relazione e la situazione. Da notare che l’uso di metodi coercitivi per ‘sottomettere’ il cane peggiora la situazione sotto i punti di vista (nonostante le apparenze possano essere diverse).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cani sul letto? Anche sì!