Violenza domestica, lui non cambierà: è arrivato il momento di dire basta

Dietro a un mazzo di fiori, a volte, si nasconde un pugno

Si parla tanto di violenza domestica caratterizzata prevalentemente da violenza verbale e psicologica, ma anche minacce, botte e imposizione del rapporto sessuale. Compiute da un uomo contro una donna, e che, troppo spesso, sfocia nel femminicidio.

Secondo uno studio, 1 donna su 3 nel mondo, ha subito violenze fisiche o psicologiche ad opera del proprio partner. Stando ai dati, in Italia, ogni 7 minuti un uomo tenta di stuprare una donna, e ogni 3 giorni un uomo uccide una donna.

Sono poche le vittime che trovano il coraggio di denunciare una violenza e ancora meno i casi che arrivano a sentenza.

La violenza domestica appare un aspetto sottostimato per diversi motivi, sia d’ordine psicologico ma anche culturale. La famiglia rappresenta ancora oggi un aspetto portante della vita di una persona ma anche un’istituzione sociale. Chi subisce un maltrattamento tende a vergognarsi, ad avere paura, a subire la sudditanza, senza riuscire a reagire. Questi aspetti portano alla negazione, giustificando o minimizzando la gravità degli avvenimenti, fino a convincersi che sarà l’ultima volta o che faccia parte della vita di coppia.

Quando un uomo picchia e maltratta una donna, sta dimostrando di non amarla. L’amore non si dimostra con le botte e con le minacce.

Denunciare è l’unico modo per mettere fine alla violenza. Non credete a chi dice che non lo farà più: purtroppo, ci sarà sempre una seconda volta.

Quando si è innamorate si ha la tendenza a vedere sempre il bello in una relazione, tralasciando magari quei piccoli particolari che, con il tempo, possono diventare significativi e trasformarsi in violenza. Colui che maltratta una donna, gioca a manipolarla. Le regala fiori, le fa regali, si comporta come l’uomo dei sogni ma poi, non sempre, la realtà è davvero “rose e fiori”. Dov’è finito quell’uomo che diceva tanto di amarci? Non è mai esistito.

Chi si comporta in questo modo, non rispetta né la persona né la donna che siamo. Occorre da subito mettere dei paletti, ogni volta che è possibile, anche e soprattutto quando ci vengono dette frasi che non ci sembrano corrette. La violenza domestica è un fenomeno che inizia nel quotidiano e va fermato immediatamente, prima che sia troppo tardi.

Trovate il coraggio di reagire, di denunciare. Non credete a chi vi dice che cambierà.

Violenza domestica, lui non cambierà: è arrivato il momento di dire&...