Si chiama Isis e Facebook blocca l’account

Una ragazza ha trovato il suo profilo Facebook bloccato a causa del suo nome. Era stata scambiata per una terrorista. Ecco cosa ha fatto

Video AskaNews

Si chiama Isis Anchalee e Facebook le ha bloccato il profilo scambiandola per una terrorista (per la prima volta in Europa, a Parigi, si è fatta esplodere una donna). Non è servito a nulla inviare spiegazioni con tanto di documento di identità allegato. Dopo l’invio di tre mail e la mancata risposta del social network, Isis ha deciso di raccontare la sua vicenda via Twitter. E finalmente Facebook ha risposto usando proprio la stessa piattaforma.

Così la ragazza ha cinguettato:

Facebook pensa che io sia una terrorista. Sembra che mandare una foto del mio passaporto non sia sufficiente a sbloccare il mio account.

isis-twitter-642

IL MESSAGGIO ORIGINALE DI ISIS

Il tweet è diventato subito virale e fra le migliaia di risposte è commenti è arrivata anche quella del social di Zuckerberg. A risponderle è stato Omid Farivar, ricercatore User Experience di Facebook, che si è scusato per l’accaduto e le ha promesso che il suo profilo sarebbe stato riattivato in un’ora. E così è stato. Farivar le ha poi confermato che il suo account era stato bloccato.

A causa dei tragici eventi di Parigi (ecco la lettera commovente di un vedovo ai terroristi), i controlli anche in Rete sono capillari.

Si chiama Isis e Facebook blocca l’account