Green pass europeo, le nuove regole per le famiglie dal 1° luglio

L'Europa approva il nuovo certificato per gli spostamenti in tutto il Continente: cosa c'è da sapere per le famiglie

Si attendeva da tempo ed è finalmente arrivato. Il green pass europeo in formato digitale potrà essere speso per viaggiare verso l’estero dal 1° luglio 2021. A darne l’annuncio, è stato il Presidente David Sassoli, a Strasburgo, in occasione dell’apertura dei lavori.

Con il pass, si potrà attestare di aver completato il ciclo vaccinale con doppia o con singola dose – nel caso del siero prodotto da Johnson & Johnson – e sarà valido dal 14° giorno successivo alla vaccinazione; di essere guariti dal Covid-19 da meno di sei mesi oppure di essere negativi al test molecolare o rapido.

Come funziona il green pass europeo

Il certificato digitale Covid della Ue – altresì detto green pass – sarà gratuito e potrà essere emesso da tutti gli Stati membri. L’attestazione avrà validità in tutta Europa. Inoltre, non sarà possibile imporre restrizioni aggiuntive alla circolazione a coloro che possiedono la certificazione, se non in caso di necessità e proporzionate alla tutela della salute pubblica. Il green pass permetterà di circolare in tutto il Continente per motivi di lavoro, per motivi familiari e per il tempo libero.

Attraverso la nuova misura, si eviterà quindi la quarantena o i test per potersi spostare all’interno degli Stati membri. Entrerà in vigore dal 1° luglio e sarà rilasciato a tutti i cittadini che rispettino i requisiti richiesti. Il suo utilizzo sarà deciso a seconda dell’ordinamento di ogni stato e non sarà obbligatorio ma solo raccomandato.

Come viaggiare con figli a seguito

Le regole per il green pass da rilasciare ai minori sono diverse e dipendono da ogni Stato appartenente all’Unione Europea. L’età per il primo rilascio è quindi discrezionale e occorre informarsi prima della partenza. Il certificato è rilasciato a tutti, gratuitamente, a seguito di un tampone molecolare negativo (effettuato nelle 72 ore precedenti) o un tampone rapido antigenico (effettuato nelle 48 ore precedenti).

Per i viaggi in Europa, si dovrà fare quindi riferimento allo Stato di destinazione. Di seguito, tutte le età stabilite dalle nuove regole: Regno Unito 11 anni; Svizzera 12 anni; Francia 11 anni; Spagna 6 anni; Germania 6 anni; Portogallo 2 anni. La vaccinazione è invece riservata ai ragazzi maggiori di 16 anni.

Il green pass si ottiene anche con la certificazione della guarigione dal Covid-19, avvenuta non oltre i sei mesi precedenti alla richiesta da inoltrare al pediatra di libera scelta o al medico di medicina generale. Con il certificato europeo, si annullano gli obblighi di quarantena in ingresso e in uscita.

Conclusioni

Per spostarsi in Europa, è necessario il green pass. Per tutti. Questo certificato è rilasciato a seguito di un test molecolare o antigenico negativo (effettuato nelle 72 o nelle 48 ore precedenti); a seguito della guarigione dal Coronavirus e dopo aver completato il ciclo vaccinale (due dosi per Pfizer, Moderna e Astrazeneca e una sola dose per il vaccino Janssen).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Green pass europeo, le nuove regole per le famiglie dal 1° luglio