Violenza donne: ancora una su tre la subisce

In Italia una donna su tre ha subito violenza, fisica o psicologica. La situazione è grave, ma i centri di assistenza sono senza fondi

Anche se oggi, per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in Italia son state organizzate iniziative in più di mille Comuni, campagne di informazione e di sensibilizzazione, treni in giro per l’Italia che porteranno nelle stazioni messaggi in musica, la situazione non è certo rose e fiori. E se si continua a ripetere, come ha fatto Laura Boldrini, che “ancora non è stato fatto abbastanza”, di fatto le azioni per porre fine a questo flagello che colpisce le società di tutto il mondo sono scarse, di poca efficacia e nella maggior parte dei casi lasciate a iniziative private o di solidarietà. (vedi anche: Balivo: “Così si combatte la violenza sulle donne”)

In Italia, secondo i dati Istat di giugno 2015, 6 milioni 788 mila donne hanno subito nel corso della propria vita una violenza fisica o sessuale. Si tratta del 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni, quasi una su tre. Ma se negli ultimi 5 anni sono leggermente diminuite le violenze fisiche o sessuali, aumenta invece la percentuale dei figli che vi assistono.

gilberta 642

Femminicidio: la strage silenziosa, guarda la gallery

I dati dell’Onu rivelano che il 35% delle donne nel mondo ha subito una violenza fisica o sessuale, dal proprio partner o da un’altra persona. Il rapporto sottolinea anche che due terzi delle vittime degli omicidi in ambito familiare sono donne. Nel mondo solo 119 Paesi hanno approvato leggi sulla violenza domestica e 125 sul ‘sexual harrassment’ (le molestie a sfondo sessuale). Dalla ricerca Onu arriva anche la conferma che prosegue la discriminazione in ambito lavorativo tra uomini e donne. I tassi di disoccupazione rimangono piu’ elevati per le lavoratrici, e le donne occupate a tempo pieno nella maggior parte dei Paesi hanno uno stipendio che va dal 70% al 90% di quello dei colleghi maschi.

In Italia per combattere il fenomeno sul campo fondamentali sono i Centri Antiviolenza. L’utilizzo dei fondi stanziati dal governo per tali strutture di protezione delle donne vittime non risulta però sempre chiaro. Nel mondo, poi, ci sono ancora fenomeni come l”infibulazione o il caso delle donne di Boko Haram che dimostrano quanto il traguarda da raggiungere sia ancora molto lontano.

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne Italiaonline, la nostra aziendaaderisce alla campagna POSTO OCCUPATO: dieci scrivanie nelle diverse sedi ospitano per oggi una postazione di lavoro vuota, dedicata alle donne che, vittime del femminicidio, oggi non ci sono più.
postoccupato642X217

Violenza donne: ancora una su tre la subisce
Violenza donne: ancora una su tre la subisce