Valentina Capri, piccola star di Instagram

Ha soltanto due anni, ma su Instagram vanta più di 20mila follower. E' giusto che una bambina così piccola venga esposta ad un fenomeno mediatico così ampio?

I social fanno sempre più parte della nostra vita, e capita sempre più spesso, che il successo si misuri in base al numero di seguaci, dei mi piace o in base alle richieste di amicizia che arrivano sui Instagram, Facebook, etc…
Tutte le tappe della nostra vita sono ormai regolarmente documentate da scatti, video e post che immortalano ogni più piccolo particolare. Ognuno naturalmente può decidere autonomamente cosa condividere, ma il problema si pone quando i profili sono dedicati interamente ai minorenni.
Tanti sono i genitori che registrano i propri figli sui social , aprendo un vero e proprio account a loro nome. E’ questo il caso della piccola Valentina Capri.

Valentina è una bambina australiana di origini italiane, di appena 2 anni. La bambina possiede un profilo su Instagram che vanta più di 20 mila follower. La madre, Hayley Berlingeri, in un’intervista al Daily Mail, ha dichiarato di condividere circa due o tre foto al giorno della figlia per mantenere alte le visualizzazioni e far si che i like non diminuiscano mai.
Data l’elevata visibilità molti sono gli stilisti che contattano la madre per far indossare un proprio capo a Valentina. Un suo scatto pare valga fino a 400 dollari. Da quando però il vecchio profilo è stato violato, sul nuovo profilo @sweetlittlestory non vengono più pubblicate foto per pubblicizzare capi di abbigliamento.

Una domanda sorge spontanea. Questa esposizione mediatica così estrema avrà delle ripercussioni sullo sviluppo emotivo della bambina?
Secondo quanto affermato dalla pedagogista Elisabetta Rossini si tratta di una mancanza di rispetto della persona da parte della madre. La bambina infatti non è in grado di capire cosa sia un social e cosa rappresenti. La madre non può sostituirsi alla figlia dando il consenso all’utilizzo della sua immagine a tali scopi.

Tutto ciò che viene condiviso su Internet è destinato a rimanere per sempre nella rete; pertanto a Valentina viene negata la possibilità della normalità, la possibilità di vivere nell’anonimato. Come se non bastasse il pericolo pornografia è in agguato; gli scatti infatti forniscono importanti particolari sulla propria vita e sulle proprie abitudini.
Si tratta dunque di un caso di violazione della privacy dannoso per la bambina.
L’unico persona a trarre un beneficio, se così lo si può chiamare, è la madre che non fa altro che appagare il suo ego ed accrescere la sua vanità.

Immagini: Depositphotos

Valentina Capri, piccola star di Instagram