Tumori nei bambini, come renderli sempre più curabili

Scegliere di fare gli auguri di Natale con AIRC significa sostenere concretamente la ricerca sui tumori pediatrici

Ogni anno in Italia 1.500 bambini e ragazzi fino a 14 anni si ammalano di cancro, mentre fra i giovani di 15-18 anni si registrano oltre 800 nuovi casi. Grazie agli eccezionali progressi della ricerca, l’esito è positivo per la maggior parte di loro: l’82% dei bambini e l’86% degli adolescenti è in vita cinque anni dopo la diagnosi di tumore (Dati – Fonte AIRTUM | I Tumori in Italia – Rapporto 2012 | I tumori dei bambini e degli adolescenti, pubblicato a marzo 2013).

Ci sono però alcune patologie considerate rare che colpiscono i bambini, come ad esempio i sarcomi ossei e delle parti molli, i tumori cerebrali e quelli che aggrediscono il sistema nervoso centrale, per i quali la ricerca sta ancora cercando le giuste risposte.

È per questo che AIRC è impegnata a investire in progetti innovativi con l’obiettivo di rendere i tumori pediatrici sempre più curabili.

Grazie ai suoi sostenitori, solo nel 2018 AIRC ha potuto investire oltre 5 milioni e 400 mila euro per 58 progetti di ricerca, con l’obiettivo di sviluppare nuove terapie e farmaci sempre più efficaci e meno tossici, per garantire un futuro a un maggior numero di bambini e ragazzi, perché a ogni bambino guarito da un tumore possiamo offrire un’aspettativa di almeno 70 anni di vita.

Natale è il momento giusto per dare un aiuto concreto alla ricerca contro i tumori infantili, scegliendo i regali e gli auguri AIRC.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tumori nei bambini, come renderli sempre più curabili