A Torino arrivano dolcissimi medici a quattro zampe per i malati di cancro

Passeggiate speciali per combattere ansia e depressione durante la malattia: l'idea di una onlus di Torino

Una passeggiata al sole, nel verde, con un fido compagno al guinzaglio: un’immagine perfetta di relax e serenità. Camminare con un cane in un parco godendosi la natura circostante con lentezza è uno dei più grandi piaceri della vita.

Purtroppo non tutte le persone possono godere di questa semplice azione ma da oggi, anche chi è meno fortunato o soffre di determinate patologie, potrà camminare all’aria aperta con un amico a quattro zampe per ritrovare un po’ di felicità.

La pet therapy, la funzione terapeutica degli animali, è oggi riconosciuta dalla medicina ufficiale tanto da avere numerose associazioni di assistenza e terapia con animali. Il potere curativo degli animali su di noi sta nel “gioco” che nasce durante il rapporto uomo-animale. Il gioco permette di godersi un po’ di leggerezza ma al tempo stesso favorisce l’individuazione di se stessi e lo sviluppo del proprio mondo emotivo ed intellettivo. L’affetto incondizionato di questi animali, poi, è una naturale fonte di endorfine, l’ormone della felicità.

A tal proposito, a Torino è appena nato un progetto speciale di pet therapy chiamato “Impera” e promosso da WALCE Onlus (Women Against Lung Cancer in Europe – Donne Contro il Tumore del Polmone in Europa) in collaborazione con Te.C.A. (Centro Studi Terapie con Animali). Il progetto avrà inizio dal 25 marzo e vedrà 14 cani addestrati che terranno compagnia a 20 pazienti oncologici durante la loro terapia.

I cani accompagneranno i pazienti in passeggiate di un’ora nel parco del Valentino per regalargli un momento di leggerezza e gioco e per godere di tutto il potere benefico che hanno su di noi queste splendide creature. L’obiettivo principale di questo progetto è proprio cercare di fare stare meglio i pazienti diminuendo i sintomi più comuni che si affrontano durante un percorso oncologico: depressione, ansia, disturbi dell’umore, mancanza di sonno. Tutti questi sintomi colpiscono circa il 70% dei malati, una vera emergenza che può alleviarsi grazie al potere terapeutico dei cani e di una semplice passeggiata, sessanta minuti di puro relax tra la natura per distendere i nervi e sentirsi subito più sereni.

La cosiddetta “fatigue” dei malati di tumore polmonare (condizione di stanchezza profonda e prolungata) rende ancora più difficile la quotidianità di chi soffre di questa patologia e influisce sulla qualità della vita e dei loro rapporti con le altre persone. Può bastare una passeggiata con il proprio amico a quattro zampe per rendere subito la giornata meno difficile del previsto.

A Torino arrivano dolcissimi medici a quattro zampe per i malati di&nb...