Tonno pinne gialle surgelato richiamato: istamina in quantità elevata

Il Ministero ha richiamato dal mercato alcuni lotti di tonno surgelato pinne gialle a causa della presenza di alte quantità di istamina

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro di alcuni lotti di tonno pinne gialle a causa di alti livelli di istamina rinvenuti nel prodotto surgelato.

Questa sostanza, dannosa per la salute dell’uomo, era presente in quantità elevata in alcuni lotti distribuiti in vari supermercati italiani. L’allerta, apparsa sul sito del Ministero, riguarda delle fette di tonno, vendute surgelate e sottovuoto, con il marchio Nordic Seafood A/S Melega &Prini srl e prodotte dall’azienda Central Western Pacific – Indonesia. Nel dettaglio i lotti ritirati sono: BMI 18/02 – Item No 2451410, scadenza 10-11-2019 , con un contenuto di 175-225 g.

Quella del tonno pinne gialle è solo l’ennesima contaminazione alimentare, dopo il caso listeria scoppiato negli ultimi giorni, che ha portato al ritiro dal mercato di diversi lotti di minestrone surgelato.

Come svela il comunicato del Ministero, il richiamo è avvenuto in via precauzionale per la presenza di un “rischio chimico”. Secondo l’avviso apparso sul sito ufficiale infatti nelle fette surgelate di tonno pinne gialle è stato registrato un “tasso di istamina superiore ai limiti consentiti dalla legge”.

Il prodotto in questione è stato pescato nell’Oceano Pacifico, in Indonesia, importato dalla Nordic Seafood A/S e commercializzato nel nostro Paese da Melega & Prini Srl, Bolzano. L’azienda ha già fatto sapere di aver diramato degli avvisi e di aver effettuato il richiamo presso i distributori all’ingrosso. L’istamina, soprattutto se assunta in quantità elevate, può rivelarsi molto pericolosa per l’uomo.

Può causare la cosiddetta sindrome sgombroide, una malattia che ha gli stessi sintomi di un’allergia, causata dall’assunzione di pesce alterato. Questa patologia presenta vari sintomi e può colpire non solo l’apparato digerente, causando diarrea, nausea e vomito, ma anche la pelle, provocando eruzioni cutanee, e il sistema nervoso centrale, manifestandosi sotto forma di mal di testa e vertigini. Può portare a complicanze gravi, come ipotensione e disturbi nella respirazione.

Secondo le indicazioni dell’azienda italiana che ha commercializzato il prodotto surgelato e del Ministero, il tonno pinne gialle che appartiene al lotto indicato non deve essere in alcun modo consumato, ma va reso oppure distrutto.

Tonno pinne gialle surgelato richiamato: istamina in quantità el...