Tagli al bonus bebè: niente soldi, solo buoni ma solo per chi arriva prima

Il Bonus bebè per il 2013 sarà inferiore a quello degli anni precedenti: un massimo di 300 euro menisli invece di 500, la media dei bonus erogati gli anni precedenti in base al reddito e alla regione di appartenenza.

Quest’anno invece la somma sarà uguale per tutte le mamme e non verrà elargita in denaro, bensì in termini di pagamento di una baby sitter o dell’asilo nido per un periodo di massimo 6 mesi, da sfruttare nel primo anno di vita del bambino.

Per l’asilo nido, il versamento sarà fatto direttamente dallo Stato; per la baby sitter verranno invece erogati dei voucher, i buoni per i lavori occasionali.

Per usufruire del Bonus Bebè però, si dovrà  rinunciare al congedo di maternità facoltativo. L’importo mensile sarà versato soltanto se il bambino frequenta un asilo nido o sia affidato alle cure di una baby sitter.

Sarà possibile effettuare le rischieste solo via internet, ma al momento non si conosce ancora il giorno chiamato “click day”, in cui sarà possibile procedere alla richiesta.

Avranno la precedenza le famiglie con un Isee più basso; a parità di Isee otterrà il bonus chi ha presentato prima la domanda.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tagli al bonus bebè: niente soldi, solo buoni ma solo per chi arriva&...