Solstizio d’inverno 2021: quand’è, riti e festeggiamenti

Manca poco al solstizio d'inverno 2021: tutto quello che c'è da sapere su questo giorno

Il 21 dicembre 2021 entrerà il solstizio d’Inverno: la giornata con il minor numero di ore di luce sta per arrivare. Per l’occasione esistono alcune simbologie, ma anche alcuni riti e festeggiamenti particolari, che servono proprio per dare il benvenuto all’ingresso della stagione invernale. Non sono tradizioni moderne, ma arrivano da tempi ben remoti.

Solstizio d’inverno, quand’è?

Anche quest’anno la stagione autunnale è quasi giunta al termine per lasciare il posto all’inverno e quindi al periodo più freddo. Il 21 dicembre 2021, infatti, entrerà il solstizio d’inverno durante le ore pomeridiane. Martedì 21 dicembre sarà la giornata più corta di tutto l’anno, questo perché il sole sarà nel punto più basso del cielo riducendo di molto la possibilità di avere luce durante il giorno.

Il solstizio si verifica due volte nell’arco di un anno: tendenzialmente il 21 dicembre e il 21 giugno, nel secondo caso per dare il benvenuto all’estate con il giorno in cui il Sole raggiunge il punto più alto rispetto all’orizzonte.

Solstizio d’inverno, quali riti e festeggiamenti per l’occasione

Al solstizio d’inverno corrisponde la festa celtica di Yule, una delle 4 feste solari dei Celti (ne esistono altre 4 lunari). Questo momento dell’anno simboleggia la morte e la rinascita della natura, e da tempi remoti è legato a simboli, riti e festeggiamenti per l’occasione. Uno di quelli più conosciuti è il vischio che indica la vita, ma anche la rigenerazione e l’immortalità. In occasione del Natale, poi, è facilissimo imbattersi in questa pianta.

Uno dei rituali più semplici che va a simboleggiare la rinascita è quello del bagno caldo: l’acqua, infatti, simboleggia quella uterina da cui bisognerebbe lasciarsi cullare per accogliere al meglio la nuova vita. Se quello del bagno caldo è un rito abbastanza semplice e “tranquillo”, potrebbe apparire più strano quello che prevede la distruzione del passato. Il passaggio al solstizio invernale, infatti, inviterebbe a liberarsi del vecchio, per questo molte persone distruggono vecchie stoviglie o buttano via oggetti vecchi e inutili per lasciare lo spazio al nuovo che verrà.

Un ultimo rito legato a questo passaggio è l’albero solstiziale: non ha niente a che vedere con l’albero natalizio a cui nella maggior parte dei casi siamo abituati, tant’è che le decorazioni non consistono in palline, angioletti, campane e simili. A riempire gli alberi solstiziali c’è il simbolo del Sole, in ogni sua forma, dalla più semplice alla più elaborata, proprio perché è di ottimo auspicio per il “nuovo” Sole che verrà.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Solstizio d’inverno 2021: quand’è, riti e festeggiamenti