Sei una buona vicina?

Quando ci si incrocia:

  • Traslocate in un nuovo appartamento, in una nuova casa: se l’edificio ha un portiere, andate da lui a presentarvi. Fate lo stesso con i vicini quando li incontrate per la prima volta.
  • Invitare i nuovi vicini per un aperitivo è un gesto molto cordiale nei loro confronti e vi permetterà di conoscerli meglio.
  • L’ideale nei rapporti di vicinato è trovare la giusta via di mezzo tra simpatia invadente (la vicina che crede che il vostro pianerottolo sia un’estensione del suo salotto) e antipatia immediata (il vostro giovane vicino di casa suona la chitarra elettrica o la batteria). Questo punto di equilibrio può corrispondere alla "gentile indifferenza" o alla "cortese distanza".
  • È cortese salutare, scambiarsi qualche parola, fermare l’ascensore per aspettare che il vicino chiuda la porta di casa, informarlo che la luce sulla sua terrazza è rimasta accesa, fargli notare che una grossa busta fuoriesce dalla sua cassetta della posta, ecc.
  • Se si simpatizza con il proprio dirimpettaio, è molto comodo scambiarsi dei piccoli favori: prendere la posta in sua assenza, prestarsi una chiave inglese, cavarsi d’impiccio quando manca un uovo solo per finire la ricetta, ecc. Tutto questo può essere piacevole se rimane nei limiti del ragionevole (vale a dire che il suo frigo non deve diventare un’estensione del vostro e il suo martello non deve restare nella vostra cassetta
    degli attrezzi).

Rumori e altri comportamenti molesti:

  • È opportuno non fare troppo rumore per non disturbare i propri vicini, specialmente la notte o nei weekend. Ovviamente la cosa è vivamente consigliata nel caso in cui l’edificio soffra di una pessima insonorizzazione. Quindi, bisogna stare attente al ticchettio dei tacchi a spillo che risuona nei tre piani sottostanti, agli orari in cui il vostro pargolo si esercita con il violino, alle cene tra amici durante le quali si ride a crepapelle,alla musica in dolby surround, al volume del televisore, al decespugliatore la domenica mattina. La legge vuole che il baccano sia punito, di notte come di giorno.

  • Quando si ha in programma una festicciola (o dei lavori in casa), è apprezzabile avvertire i vicini e scusarsi in anticipo per il disturbo. In questo caso, si consiglia di mettere un avviso nella cassetta delle lettere o in ascensore.
  • È raccomandabile, inoltre, insegnare al vostro cane a non abbaiare in vostra assenza.
  • Se, in un momento di rabbia, si vuol fare al proprio Lui la lista di tutto quello che gli rimproveriamo, è meglio evitare di urlare, soprattutto se i vetri sono aperti.
  • Gli odori del barbecue sono piacevoli solo quando siamo noi i destinatari delle salsicce che stanno grigliando (a meno che non si invitino i vicini a mangiarle).

In caso di litigi:

  • Si tenta sempre di trovare la soluzione amichevolmente: la signora del piano di sopra passa l’aspirapolvere tutte le mattine alle 6? Andate a farle visita e, con molto tatto, spiegatele il fastidio arrecatovi dal suo comportamento. In teoria, questo dovrebbe bastare per farla smettere.
  • Gli inquilini che abitano nell’appartamento di fianco al vostro copulano come bestie fino alle 2 di mattina? La cosa si fa più delicata. In questo caso potete, a scelta: comprare dei tappi per le orecchie, battere con i pugni contro il muro (non è educato, ma almeno dà sollievo), fare ancora più rumore con il vostro uomo per dimostrare che anche da voi va tutto a gonfie vele.
  • Se non è possibile risolvere i problemi in modo amichevole, potete anche inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno per segnalare la questione o avvertire l’amministratore.
  • In ogni caso, non lanciatevi in una spirale di dichiarata ostilità (insulti, lettere anonime, minacce, ecc.) con il rischio di creare un clima insopportabile e di giocare al gioco del chi-traslocherà-per-primo ( potrebbe andare avanti per anni).
  • Per tutte le questioni serie o gravi ("I rami del suo albero da frutto oltrepassano il muro del giardino, il vicino ha eretto un muro che mi copre la visuale, deve per forza passare dalla mia proprietà per raggiungere casa sua, ecc."), rivolgetevi alle associazioni in difesa dei consumatori, fate verificare la situazione dall’ufficiale giudiziario e utilizzate le vie legali per chiarire la situazione.

Testo tratto da: Le nuove regole del galateo – Olivia Toia – Morellini Editore

Fonte:

Sei una buona vicina?