Scuola primaria, addio ai voti numerici: arrivano le lettere nel 2017

Ci saranno 5 gradi di giudizio. Adozione di questo modello già in vigore in altri Paesi europei e in Usa è di evitare bocciature alle elementari

Dal 2017 non dovrete più preoccuparvi se i vostri figli alle elementari non avranno tutti 10 in pagella. Infatti i voti numerici spariranno, al loro posto verranno introdotte le lettere.  Novità in vista dunque per la scuola primaria in base a quanto contenuto in uno dei disegni di legge delega che il governo Renzi sta preparando secondo le direttive incluse nella legge 107, la riforma Buona Scuola. 

Dall’anno scolastico 2017-2018 dunque ci saranno cinque gradi di valutazione per i piccoli studenti: A-B-C-D-E, dove l’A rappresenta il giudizio migliore che corrisponde all’ottimo, mentre la E indica l’insufficienza.

Come ha dichiarato al Corriere della Sera l’onorevole Francesca Puglisi, che sta seguendo l’evoluzione del progetto:

L’obiettivo sarà quello di restituire alla scuola primaria il compito di mettere i bambini agli stessi nastri di partenza. Secondo gli esperti che stanno lavorando al progetto, la valutazione espressa in lettere consentirà di esprimere meglio l’evoluzione delle conoscenze e delle competenze acquisite dagli alunni nel corso del loro percorso scolastico, mentre il voto fotografa in modo statico una situazione.

Le valutazioni in lettere dovrebbero essere meno penalizzanti dei giudizi espressi in numeri per gli allievi. Se uno studente inizia l’anno scolastico con un rendimento scarso, ma in seguito riesce a recuperare potrebbe concludere il percorso con una A, con i voti c’è la tendenza a includere anche i 4 e i 5 nella media finale, finendo per penalizzare la pagella. Mentre se prende una D o una E è come ricevere un invito a migliorare ed è meno frustrante di un numero.

Il modello proposto è simile a quello adottato con successo da altri Paesi europei e dagli Stati Uniti. L’obiettivo del Ministero dell’Istruzione è di eliminare dalla scuola elementare la bocciatura che secondo gli esperti è “dannosa e inutile”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola primaria, addio ai voti numerici: arrivano le lettere nel 2017