Rooney Mara: vita, carriera, curiosità

Rooney Mara è un'attrice newyorkese dall'animo nobile, si è affermata lentamente nel panorama cinematografico e oggi è tra le candidate agli Oscar 2016, nella categoria miglior attrice non protagonista

Nata a Bedford, a New York, il 17 aprile 1985, Rooney Mara è la sorella minore dell’attrice Kate Mara. Cresce in una famiglia molto influente, suo padre è Timothy Christopher Mara, vice presidente dei New York Giant e sua madre un’agente immobiliare di origini irlandesi, Kathleen McNulty. Si diploma nel 2003 alla Fox Lane Hight School e prima di iscriversi al college decide si intraprendere un viaggio che durerà circa quattro mesi in Sud America, Ecuador, Perù e Bolivia. Al suo rientro si iscrive alla New York University e nel 2010 si laurea in psicologia e politiche sociali internazionali.

Appassionata del film “Via col vento” decide di seguire le orme della sorella e di avvicinarsi alla recitazione. Nel 2005 debutta con un piccolo ruolo in un film horror, “Urban Legend 3”, diretto da Mary Lambert. Passa poi ad alcune apparizioni in serie televisive come Law & Order e ER – Medici in prima linea. In questo periodo sfrutta la popolarità a scopi benefici e fonda l’associazione “Faces of Kiberia”, in favore degli orfani di Kiberia a Nairobi in Kenya.

La consacrazione ufficiale come attrice arriva nel 2010, con il ruolo da protagonista in “Nightmare”, il remake della pellicola del 1984 “Dal profondo della notte”, diretto da Samuel Bayer. Nello stesso anno è il volto del film “The Social Network” del regista David Fincher che colpito dalla sua professionalità decide di sceglierla due anni dopo per il film drammatico “Millennium – uomini che odiano le donne” in cui Mara appare cupa e trasgressiva, dark e misteriosa, riuscendo perfettamente a entrare nel personaggio. Un’interpretazione magistrale che le vale la nomina come migliore attrice agli Oscar nel 2012.

Da questo momento infatti i ruoli che le viene richiesto di rappresentare sono sempre più impegnativi. Nel 2013 è la protagonista del thriller psicologico “Side Effects”, del regista Steven Soderbergh e del film indipendente drammatico diretto da David Lowery, “Senza santi in paradiso”. Nel 2015 supera ogni limite e ragala al pubblico una performance indimenticabile in “Carol” di Toddy Haynes. Un melodramma ambientato nella New York del 1952, narra la storia di una donna sposata che improvvisamente scopre di essere innamorata di una commessa di un grande magazzino. La pellicola partecipa alla 68esima edizione del Festival di Cannes e Rooney Mara è la migliore attrice che vince la Palma d’Oro. Il successo di questo film continua, infatti è candidata nella categoria miglior attrice non protagonista alle nomination per gli Oscar 2016, che si terranno la notte del 28 febbraio.

Rooney Mara: vita, carriera, curiosità