Uova biologiche contaminate: il Ministero le richiama

Il provvedimento cautelativo è legato a una sospetta contaminazione microbiologica ed è il secondo in pochi giorni

Il Ministero della Salute ha diffuso sul suo sito ufficiale la notizia del richiamo, a scopo precauzionale, di un lotto di uova biologiche. I prodotti in questione, di vario calibro, erano sugli scaffali dei supermercati con i marchi Amadori, Verso Natura Conad e Cascina Italia.

Il motivo del ritiro è legato a una sospetta contaminazione microbiologica. Il lotto specifico è identificato con il numero 5528139926 e ha come termine di conservazione l’8 febbraio 2020. I prodotti sono distribuiti in diversi formati a seconda del marchio. Per le uova di Amadori e Cascina Italia si parla di confezioni da 4, mentre per quelle di Verso Natura Conad di confezioni da 2 e da 6.

Le uova oggetto della recentissima misura di richiamo da parte del Ministero della Salute sono prodotte dalla medesima azienda della provincia di Cuneo. Il dicastero, come già detto, ha diffuso tutti i riferimenti in merito tramite il proprio portale ufficiale dove, nella sezione dedicata alle news – che è utile tenere sempre d’occhio – è presente la pagina dedicata.

Gli utenti possono accedere anche a un documento pdf nel quale si specifica che le uova, delle quali vengono forniti i riferimenti relativi al lotto, non devono essere consumate e vanno restituite il prima possibile al punto vendita presso il quale sono state acquistate.

Tutte le uova richiamate sono state prodotte dalla medesima azienda agricola, una realtà che si trova a Monasterolo di Savigliano, Comune che, come sopra specificato, si trova in provincia di Cuneo. In questo primo mese del 2020, il Ministero della Salute ha già provveduto al ritiro di lotti di uova. Il richiamo di cui stiamo parlando, infatti, è il secondo che viene comunicato in pochi giorni.

Sul sito del dicastero – sempre nella sezione dedicata alle news – si può infatti leggere del richiamo di uova a marchio Olivero Claudio, ossia l’azienda sopra ricordata, per contaminazione microbiologica.

In questo caso si invitano i clienti a restituire i lotti 1A140120 e 2C140120 (confezioni da 4 e da 6 uova e uova sfuse). Entrambi hanno come scadenza la data dell’11 febbraio 2020 e devono essere riportati al punto vendita dove è stato effettuato l’acquisto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Uova biologiche contaminate: il Ministero le richiama