Red Ronnie: “Demenziale vaccinare i bimbi”. La risposta dell’esperto

Il professor Roberto Burioni scrive un post sul suo profilo Facebook condiviso da oltre 48mila persone contro la diffusione di false notizie

Non accenna a placarsi la bufera scatenata dalle parole di Red Ronnie  sulle vaccinazioni. Giovedì 12 maggio il presentatore era ospite alla trasmissione Virus su Rai2 e in quell’occasione ha dichiarato essere demenziale obbligare a vaccinare i bambini.

Red Ronnie ha poi rincarato la dose:

a causa dei vaccini e o degli effetti collaterali sono morti 1.500 bambini in un anno. Si chiamano morti bianche  e avvengono 2-3 giorni dopo il vaccino.

Queste dichiarazioni hanno sollevato una vera e propria bufera, tanto che il deputato Pd Michele Anzaldi, segretario della commissione di Vigilanza Rai è intevenuto per annunciare un’interrogazione:

La Rai informi correttamente e diffusamente sulla funzione dei vaccini. Chiederò in un’ interrogazione in Vigilanza al servizio pubblico di verificare qualità e quantità degli spazi utilizzati per informare i cittadini su questo.

Il conduttore della trasmissione si è giustificato affermando che la puntata era sembrata equilibrata presentando due sostenitori delle tesi opposte, da un lato appunto Red Ronnie dall’altro Maria Antonietta Farina Coscioni, presidente dell’Istituto Coscioni.

In ogni caso questo non è stato sufficienti a smorzare la polemica seguita alle parole di Red Ronnie sui vaccini e a tutta una serie di affermazioni che in seguito ha fatto sulle morti bianche, sulla poliomielite, sul tetano, sull’allattamento materno fino al vaiolo e alla questione dell’autismo. A quel punto ha cercato di controbattere nel poco tempo concessogli anche Roberto Burioni, professore di microbiologia e virologia all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, ma senza grandi risultati.

La querelle è poi proseguita sui social. Burioni sulla sua pagina Facebook ha pubblicato un post in cui si rivolgeva al ministro della Salute, Lorenzin:

Mi chiedo come Beatrice Lorenzin possa permettere che, mentre da un lato lei spende dei denari pubblici per migliorare la salute degli italiani promuovendo la prevenzione, dall’altro consente che con gli stessi soldi pubblici si diffondano notizie false che porteranno i genitori a fare scelte che metteranno a rischio la salute dei cittadini.

E ancora:

Non ritengo che si possano impunemente e volontariamente diffondere notizie non solo false, ma anche pericolose, in quanto potrebbero indurre nei genitori un comportamento che può mettere a rischio grave i figli loro e degli altri.

Il commento è stato condiviso oltre 48mila persone e ha avuto oltre 5 milioni di visualizzazioni, suscitando un violento dibattito sui social network che ha portato all’intervento di Anzaldi.

Intanto Red Ronnie non è rimasto in silenzio e ha proseguito la polemica via Facebook postando il video di un noto antivaccinista. E promettendo una chiarificazione sulla questione delle vaccinazioni.

 

Red Ronnie: “Demenziale vaccinare i bimbi”. La risposta de...