Quaranta tonnellate di prosciutto crudo di scarto sequestrate dai Nas

Tre persone denunciate e sanzioni per 14.000 euro. Questo è il risultato di un'attività di contrasto alle frodi alimentari svolta dai carabinieri del Nas di Bologna

Sequestrate 40 tonnellate di prosciutto crudo, per un valore di oltre 500.000 euro, tre persone denunciate e sanzioni per 14.000 euro. Questo è il risultato di un’attività di contrasto alle frodi alimentari svolta dai carabinieri del Nas di Bologna.

Da quanto si apprende, all’indice è finito l’amministratore delegato di un’azienda di Parma che produce e commercializza prosciutti: l’uomo è stato denunciato con l’accusa di frode in commercio, vendita di sostanze alimentari non genuine e detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione.

Le operazioni avrebbero appurato che si commercializzavano scarti di lavorazione del prosciutto: invece di essere smaltiti, venivano presentati come ‘ritagli di prosciutto stagionato’ ad aziende di produzione di pasta ripiena e salumi.

Analoghi reati vengono contestati anche ai due legali rappresentanti di altrettante aziende delle province di Bologna e Modena per aver commercializzato tranci di prosciutto crudo, etichettati e spacciati impropriamente come Dop.

Quaranta tonnellate di prosciutto crudo di scarto sequestrate dai&nbsp...