Playboy elegge la politica più sexy

Ampie gonne al ginocchio e stile vintage. Questi i nuovi canoni di sensualità per la rivista Playboy, che ha scelto Marina Weisband come politica più sexy della Germania, anche se rappresenta tutto ciò che di più lontano può esistere dall’idea moderna di donna sexy. Ebrea ucraina, sorriso malinconico, è l’icona vintage vecchio stile. La bionda venticinquenne ha lasciato la leadership del Partito dei Pirati (ha ricoperto la carica di direttore politico del Partito Pirata dal maggio 2011 fino all’aprile 2012) lo scorso anno per dedicarsi alla sua tesi di laurea in psicologia: "Voglio avere più tempo per me" disse quando fece questa scelta.

Pur avendo lasciato l’impegno con il partito per terminare gli studi in psicologia, la giovane e bella politica continua a partecipare alle attività dei Pirati e a intervenire sui media tedeschi per le questioni che riguardano la piccola formazione libertaria.

I suoi hobby sono il disegno, la pittura, la danza, il tango e i giochi di ruolo. Niente fronzoli, niente tresche (vive col suo fidanzato), nulla di appariscente. Senza contare che si definisce un’ebrea devota. Con il suo look acqua e sapone, i capelli raccolti in trecce e il suo stile rilassato (che l’ha resa famosa tra i suoi elettori più giovani) si distanzia dai classici canoni di femminilità e sensualità imposti solitamente da Playboy. Eppure per lei ha votato quasi il 30 per cento dei mille interpellati dalla rivista.

Al secondo posto è stata eletta Sahra Wagenknecht, 44enne deputata del partito di sinistra Die Linke e compagna di Oskar Lafontaine: gonne lunghe, capelli raccolti e laureata in filosofia. Seguono le bionde: Kristina Schröder, cristiano-democratica, la pupilla di Angela Merkel, Ursula von der Leyen e Manuela Schwesig. E Angela Merkel? Soltanto il 3% ha votato per lei. Per una volta, deve rassegnarsi a non essere lei quella in testa al sondaggio!
 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Playboy elegge la politica più sexy