Nonna e nipote diventano supereroine per sconfiggere il cancro

Penelope Scout, 3 anni, ha posato nei panni di alcune donne forti, un progetto che le ha permesso di stare accanto alla nonna e di lottare con lei per sconfiggere il tumore

Una diagnosi di cancro mette a dura prova non solo la persona che la riceve, ma l’intera famiglia. Così Scout Penelope, 3 anni, si è molto spaventata quando la nonna si è ammalata di tumore al seno nell’aprile del 2016.

L’ha vista entrare in ospedale dove ha subito la mastectomia e l’ha vista perdere i capelli a causa di sei cicli di chemioterapia. Ma lei non si è persa d’animo e grazie anche all’aiuto della mamma, Ashley Jinks Larson, ha lottato assieme alla nonna per vincere la terribile malattia. Scout si è trasformata in supereroine, facendosi fotografare nei panni di donne forti. Gli scatti pubblicati sul suo profilo Instagram, che conta oltre 43mila follower, hanno fatto il giro del mondo, dimostrando che il cancro va affrontato in modo positivo, anche quando la situazione è difficile e drammatica (leggi la storia di Barbara, guarita dal tumore).

Spiega la mamma di Scout:

Io e mia madre abbiamo deciso di raccontarle la vita di tante donne importanti del nostro tempo per distrarla dalla chemioterapia e farle scoprire quanto una donna può essere forte.

E prosegue:

Scout era molto preoccupata per la nonna, quando ha visto che iniziavano a caderle i capelli si è impressionata e realizzare questo progetto fotografico insieme è stato anche un buon modo per distrarre lei ma anche noi stesse.

Ashley e Scout hanno scritto la lista delle donne di cui la bimba voleva conoscere la biografia e insieme hanno scelto gli abiti con cui avrebbe posato come loro.

Nonna e nipote diventano supereroine per sconfiggere il cancro