L’ascesa di Maria Elena Boschi: da un liceo di provincia al Palazzo

Per Maria Elena Boschi da Laterina il ritorno tra i banchi del suo liceo ha dell’eterno, dell’attimo fuggente e un certo retrogusto joyciano. Al suo arrivo ad Arezzo, il ministro per le Riforme ha trovato ad attenderla il preside Giampiero Giugnoli, al suo fianco il Prefetto che l’ha accompagnata al portone.

"Non avrei mai pensato diplomandomi nel 2000 di rientrare qui da ministro", ha esordito così MEB. Sono passati solo 14 anni da quell’esame di maturità, ma la studentessa modello del liceo classico ha bruciato le tappe, conquistando il Palazzo. Chissà che sensazione hanno provato quei professori che ne hanno seguito il percorso culturale e politico. Chissà che ne avranno pensato gli stduenti a cui si è rivolta Maria Elena.

"Dico la verità: non ho mai studiato né all’Università né dopo quanto ho studiato al Classico. E’ una palestra davvero dura ma che sono felice di aver fatto". Un complimento indiretto ai suoi insegnanti, che hanno ascoltato il suo intervento e che poi ha corretto affermando che "Negli anni del liceo ho imparato ad essere una donna libera. E’ naturale avere rispetto per i professori. Ma si può anche dire che non si è d’accordo, perché anche loro a volte sbagliano".

"Berlusconi ha ribadito e confermato tutti gli impegni. Se Forza Italia dovesse svincolarsi è un problema con gli impegni che hanno preso con i cittadini".

L’ascesa di Maria Elena Boschi: da un liceo di provincia al ...