Mastroianni ironico e scanzonato: un mito italiano intramontabile

E’ Marcello Mastroianni con tutta la sua espressività, il volto scelto per rappresentare il 67esimo festival di Cannes – 14/25 maggio – in un indimenticabile fotogramma tratto da 8 e 1/2 il celebre e surreale film di Federico Fellini.

E così campeggia sulla locandina del Festival – nel periodo forse più celebre della sua carriera – il ritratto di Marcello, tra i più ecclettici e talentuosi attori del nostro cinema, mentre si toglie gli occhiali scuri e spunta quel suo sguardo distratto e sornione, ammicante senza bisogno di esserlo.

Sorridente e spesso burlone, una vita colma di successi e di amori – tre volte candidato agli Oscar come miglior attore – ha avuto colleghe bellissime da Sophia Loren a Claudia Cardinale, da Anouk Aimée a Stefania Sandrelli e compagne di vita meravigliose da Flora Carabella – moglie mai lasciata completamente – a Faye Dunaway e Catherine Deneuve, madre di sua figlia Chiara.

Gli organizzatori del Festival hanno dichiarato che scegliendo una delle figure più solari del cinema italiano "hanno voluto celebrare un cinema libero e aperto al mondo" e sottolineare l’importanza artistica del cinema italiano ed europeo. 

La figlia Chiara, anche lei attrice e copia femminile del celebre padre ha detto: "Sono fiera e commossa che Cannes abbia scelto di rendere omaggio a mio padre con questo poster. Lo trovo bellissimo e moderno, con un’irona dolce e un’eleganza distaccata, proprio come era lui".

 

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mastroianni ironico e scanzonato: un mito italiano intramontabile