Lucia Annibali, il suo 8 marzo: “Mi sento più viva di prima”

"La forza è dentro di me assieme al desiderio di riconquistare quello che qualcuno voleva sottrarmi". A parlare è Lucia Annibali, l’avvocatessa sfregiata con l’acido da due uomini i quali, hanno accertato le indagini, furono pagati dal suo ex compagno, vero mandante di questa orribile attentato.

"Mi sento viva più di prima", ha detto la giovane donna intervendo pubblicamente. Lucia ha ricevuto l’8 marzo, Giornata internazionale della donna, dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, l’onorificenza dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: "Per il coraggio, la determinazione, la dignità con cui ha reagito alle gravi conseguenze fisiche dell’ignobile aggressione subita".

Dopo quanto accaduto, la Annibali ha deciso di intraprendere un percorso difficile, umano e professionale, che l’ha trasformata in un simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. Un ruolo che Lucia ha accettato, esponendo il suo volto (ricordiamo che ha rischiato di perdere un occhio a causa dell’aggressione) a distanza di alcuni mesi per dare un segnale di coraggio e determinazione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lucia Annibali, il suo 8 marzo: “Mi sento più viva di prim...