Lotto di salame richiamato per rischio microbiologico

Il Ministero della Salute ha disposto il richiamo del salame Citterino perché non conforme ai criteri di sicurezza alimentare

Il Ministero della Salute ha disposto il richiamo dal mercato del salame Citterino, prodotto da Giuseppe Citterio Salumificio.

Il motivo del richiamo è rischio microbiologico. “Prodotto non conforme ai criteri di sicurezza alimentare di cui al Reg. 2073/05″, come si legge nel documento pubblicato sul sito del Dicastero.

Il lotto interessato è: 3523-51, marchio d’identificazione CE IT D627X. Si tratta del Citterino, pezzo sfuso di circa 200 gr.

Recentemente sono state interessate dal ritiro dal mercato le farine di grano tenero tipo 00 del marchio Selex e del marchio Cuore mediterraneo, per presenza dell’allergene soia, quale sostanza allergizzante, non dichiarata in etichetta, sebbene sulla confezione sia riportata la dicitura: ‘prodotto in uno stabilimento in cui si utilizza soia’. Il prodotto dunque non è adatto alle persone allergiche alla soia.

Tempo fa invece era toccato al gorgonzola dolce di vari marchi, contaminato da Listeria monocytogenes. L’intossicazione prodotta da questo batterio può rivelarsi molto pericolosa per le persone che presentano un sistema immunitario più debole, come gli anziani, i bambini e le donne incinta. Il batterio può popolare il pesce, la carne, le verdure crude, il latte non pastorizzato, i latticini e i cibi pronti. La Listeria resiste alle basse temperature e viene neutralizzata attraverso la cottura.

 

Lotto di salame richiamato per rischio microbiologico