Lapo dice no a velini, palestrati, burini e calciatori

Dal Pitti ci manda a dire: "bisogna che l’uomo ritrovi la sua attitudine all’eleganza" e lo fa in accappatoio e occhiali a specchio, mentre presenta la nuova collezione di Italian Independent, il suo marchio di moda nato per esportare creatività nostrana in giro per il mondo. Per Lapo la recessione non costituisce un problema, conta di superarla rimboccandosi le maniche, puntando su qualità, dettagli e perfezionismo. E poi in fatto di annus horribilis lui ha già dato!

Ma che vi aspettavate da uno che sulla pelle ha tatuato nell’ordine: un ideogramma cinese che significa non arrendersi mai, la scritta Outsider, le iniziali B.B. (come la nuova fidanzata Bianca Brandolini, ma anche come Brigitte Bardot nel caso storia finisse), la statua della libertà, lo stemma della Juve, il tricolore, le scritte japan-style vivo e guardare sempre avanti, ma soprattutto il simbolo del fast-forward fatto con le sue manine?

Lapo Elkann è risorto dallo scandalo in tempo record, rimontando sulla cresta dell’onda con una marcia in più. Sdoganato due anni fa da Vogue America, l’enfant terrible di casa Fiat ha ormai un posto d’onore nell’Olimpo dei grandi della moda, come icona fashion del made in Italy. Il suo stile dandy dannato ha fatto storia, tanto che Arfango gli ha appena dedicato le Lapo shoes, una rivisitazione del famoso mocasso-ciabatta da cui il nostro difficilmente si separa.

Alle sfilate che contano, il giovane Elkann siede in prima fila di fianco alla Sozzani e la sua nuova fidanzata col doppio cognome è molto più esportabile all’estero di Martina Stella. Che altro? Il marchio, un’agenzia di comunicazione, una seconda patria nella Grande Mela e una possibile presidenza Juve per il campionato che verrà. Come contorno un universo che non conosce crisi, fatto di vacanze in barca a vela, tintarella fuori stagione, camicie sbottonate, cene goliardiche nei ristoranti più cool e spider parcheggiate in doppia fila.
Certo, il dubbio che si tratti di un bluff sfiora qualcuno: la solita storia del figlio di papà con carenze affettive, che deve dimostrare al mondo il suo valore e viaggia con una corte di amici, che lo venera facendo la bella vita. Tanto alla fine paga lui.

Che ne pensi? Dì la tua nei commenti

Lapo dice no a velini, palestrati, burini e calciatori