Katia Follesa, il dramma della malattia: “Quando non senti più il cuore”

Katia Follesa racconta il dramma della sua malattia, svelando di soffrire di una patologia al cuore

Siamo tutti abituati a vederla sorridente e a lasciarci travolgere dalla sua comicità, ma nel privato Katia Follesa ha vissuto un dramma. L’attrice e comica infatti soffre di una malattia al cuore, la cardiomiopatia congenita, che ha scoperto di avere solo dieci anni fa, in seguito ad un piccolo malore. “Quel giorno ero in macchina – ha raccontato al Corriere della Sera -, stavo guidando, quando improvvisamente mi si è appannata la vista e, non so come dire, non sentivo più il cuore”.

Poco dopo Katia Follesa è andata in ospedale e ha scoperto di essere affetta da una patologia chiamata cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva congenita. “La cosa buona che ho fatto, dopo aver pensato che stessi per morire è stata andare subito, quel pomeriggio stesso, in ospedale – ha svelato  -. All’inizio mi avevano detto che non avevo niente. Anzi, la cardiologa era quasi un po’ scocciata”.

La patologia di cui soffre Katia Follesa è ereditaria: “Ho deciso di approfondire  – ha spiegato – e si è scoperto così che avevo questa patologia, la stessa di mio padre – ha raccontato, riferendo che ora sta meglio grazie ad una terapia -. Dovrò continuarla a vita. Il suggerimento è fare dei controlli anche se non si avvertono sintomi”.

Infine l’attrice ha spiegato di non essere pronta per affrontare una nuova gravidanza perché teme che il neonato possa contrarre la sua stessa patologia. Katia Follesa da anni è legata ad Angelo Pisani, membro dei Pali e Dispari, da cui ha avuto la piccola Agata. “C’era il 50 per cento di probabilità che Agata ereditasse la cardiomiopatia – ha spiegato la comica -. Per fortuna non è così, ma nell’ipotesi di un secondo figlio è una riflessione che, da un paio d’anni, faccio. A 42 anni sapere di poter mettere al mondo un figlio che può avere questi problemi mi fa dire che no, non lo farei”.

Katia Follesa, il dramma della malattia: “Quando non senti più ...