Kate, cambia mestiere!

La regina nuda”, “Kate contro Closer”  – la rivista francese che ha pubblicato in anteprima le foto incriminate. E ancora: “Kate sotto choc”, “Gli avvocati del duca e della duchessa di Cambridge in tribunale”  etc. etc. I magazine del globo titolano nella maniera più sensazionale possibile che la futura regina d’Inghilterra è stata beccata in topless – alcuni anche con i commenti di autorevoli chirurghi estetici che assicurano l’autenticità della parte incriminata. Mentre il web diffonde le immagini dei seni nudi alla velocità della luce.
Da Buckingham Palace la Regina Elisabetta dissente, gli avvocati prendono provvedimenti, il povero William infuriato teme che la moglie possa soffrire come sua madre, la splendida e triste principessa Diana – morta in un incidente stradale, inseguita dai paparazzi. E intanto il mondo si gode le tette di Kate la perfettina. La magrissima, la leggiadra, la laureata, la colta, l’impeccabile e innamorata Kate colta per una volta in fallo.
Sempre ben vestita anche con poche sterline – per essere d’esempio ai sudditi – che ha studiato per indossare un giorno la corona dai tempi dell’università, che è riuscita ad arrivare con pervicacia e sudore alle soglie del trono dei Windsor, si è davvero fatta cogliere di sorpresa? Ha sbagliato davvero pensando di essere al riparo? O era gelosa del "successo" del principe Henry?
D’altronde noiosa com è se non si decide a sfornare un marmocchio al più presto non c’è molto da dire su di lei. E’ riuscita a farsi rubare la scena dal lato B della sorella Pippa persino il giorno delle sue nozze in diretta mondiale.
Una futura regina conosce le regole della ferrea etichetta di corte, i diritti e i divieti che i membri di una famiglia reale non possono dimenticare. E certamente tra questi c’è anche quello di fare il bagno ben coperti, magari in costume olimpionico per essere al sicuro da teleobiettivi indiscreti.
E questo Kate lo ha improvvisamente dimenticato desiderando scoprire il suo seno per un bagno di sole? In un’era, la nostra, in cui il nudo è alla portata di tutti e in cui chiunque desideri apparire può scoprire con nonchalance una qualsiasi parte del proprio corpo? Strano e ingenuo.
Perché se non si vuol finire sulle copertine dei tabloid per degli scatti "rubati" come una qualsiasi anonima e borghese starlette che aspira a una particina al cinema o in Tv è assolutamente vietato spogliarsi, nemmeno in una tenuta  privata in Provenza, neanche in casa propria dietro i vetri di una finestra.
Se si sogna la libertà e ci si appella alla tutela privacy e al diritto di vivere una parte della propria vita in sordina e tutte le sciocchezze del caso allora vuol dire che la Duchessa di Cambridge ha sbagliato professione.
Ma forse non è più in tempo per cambiare.

FRummo

Kate, cambia mestiere!