Julie accusa suo padre Gerard Depardieu e fa un annuncio choc

Di rapporti difficili, tra genitori e figli, se ne annoverano un numero infinito tra i personaggi pubblici, spogliati di una intimità solo presunta. Prendiamo il caso dell’intervista rilasciata da Julie Depardieu al francese Le Monde. E’ un condensato, drammatico, dei nodi insoliti, dei non detto e delle cose ancora da sbattersi in faccia. L’uno contro l’altra. Ci si ama, ci sia studia, non ci si capisce.
 
A volte succede, quando tuo padre è Gerard Depardieu. Julie, attrice a sua volta, sorella dello scomparso Guillaimescomparso a causa di una polmonite. E’ severa, è critica nei riguardi di suo padre: "Non invecchierà più di tanto. Ora ha 65 anni, non è tanto. Ma quando sai ciò che fa, non durerà tanto, te lo dico, tra cinque anni non ci sarà più. È lui il prossimo, lo so. Non durerà". 
 
"E’ un mascalzone, dice una cosa, ma può fare il contrario, bisogna diffidare, non si sa’ mai" per poi chiarire che Gerard: "Non è un traditore, no, ma comunque non bisogna fidarsi". 
 
Un ritratto impietoso, senza possibilità di redenzione quello che tratteggia la quarantenne attrice: "E’ un handicappato, uno che non può mai stare fermo in un posto. Quando sei piccolo, hai bisogno di un confronto con tuo padre. Guillaume ha molto sofferto che non badasse a lui", dice ancora la Depardieu, riferendosi al fratello Guillaume. "E’ molto simpatico, ma non si può esistere a lungo al suo fianco".
 
Di sofferenze, Julie, ne ha patite. Tanto da decidere di rifarsi il naso cinque volte: "E’ una questione identitaria, non volevo essere più bella, ma soltanto non avere quel naso lì, che assomigliava troppo a quello di un membro della mia famiglia". Suo padre, Gerard.

Julie accusa suo padre Gerard Depardieu e fa un annuncio choc