Il codice rosa viene approvato in Piemonte

Il Piemonte è la prima regione che ha messo in atto un codice rosa, in difesa di tutte le donne vittime di violenza anche tra le mura di casa

La violenza sulle donne è ogni giorno parte della cronaca, ogni anno tante vengono uccise e seviziate proprio dalla persona che avevano scelto per passare la vita insieme e che credevano le avrebbe protette dal mondo esterno, mentre spesso si devono difendere nelle mura di casa, parte poi un circolo vizioso in cui cade la femmina pensando di esser colpevole di qualcosa fino a pensare di meritarsi le percosse.

Tante sono in Italia le associazioni che cercano di tutelare ed aiutare le donne vittime di violenza, ma sono tutte private, per ora poco ha mosso lo stato in favore, dopo aver varato la legge sul reato di stalking poco è andato avanti, ma proprio in questi giorni sembra che le regioni stiano incominciando a rendere giustizia alle donne, sempre attendendo che il reato del femminicidio diventi punibile anche con l’ergastolo, da anni infatti si urla a pene più severe.

A far da apripista tra tutte le regioni che stanno ancora discutendo il da farsi c’è il Piemonte che ha già varato il codice rosa, approvato a maggioranza, i soli contrari erano i militanti del partito Fratelli D’Italia, che accusa la giunta Chiamparino di voler solamente sfruttare questo decreto legge come sola propaganda dell’ideologia gender. Ma nonostante le critiche da oggi ogni volta che in pronto soccorso in tutta la regione si presenterà una donna anche solo presunta vittima di violenza si attiverà un team di professionisti per sostenerla ed aiutarla a denunciare e per tutto quello che avrà bisogno, ma non solo per lei sarà la tutela ma anche per gli eventuali figli.

Un altro importante passo avanti è quello di finanziare le strutture esistenti che operano nell’assistenza delle donne sia dal punto di vista legale che medico, ed anche le strutture di alloggio per le vittime ed i suoi figli.
Il Piemonte ha stanziato cinquecento mila euro per sostenere queste strutture e far si che in breve tempo le donne possano rinserirsi nella vita normale, aiutandole con la ricerca di un lavoro e per diventare completamente indipendenti.
Anche l’assistenza legale durante e dopo la denuncia è garantita in queste associazioni, nella speranza che prendano esempio tutte le regioni italiane facciamo un plauso al Piemonte e speriamo che le vittime comincino a diminuire perchè le donne, come ogni essere vivente meritano rispetto e protezione.

Immagini: Depositphotos

Il codice rosa viene approvato in Piemonte
Il codice rosa viene approvato in Piemonte