Gossip-terapia: spettegolare fa bene

Secondo uno studio della Northeastern University di Boston e pubblicato sulla rivista Science, il gossip potrebbe essere una cura preventiva. Ovvero, il pettegolezzo ci mette in guardia verso il nostro prossimo. Se infatti una persona gode di una cattiva fama a causa delle voci che circolano su di lei, è oggetto di una più ponderata valutazione da parte degli altri. Questo farebbe sì che si vada con i piedi di piombo nel caso si dovesse aver a che fare proprio con questa persona.

Gli scienziati coordinati dalla dottoressa Lisa Barrett, professore di psicologia alla Northeastern, sono arrivati alle loro conclusioni dopo aver mostrato immagini di persone e situazioni a un gruppo di volontari in due distinti esperimenti. Il primo ha coinvolto 66 partecipanti, il secondo 51. Tra le persone ritratte nelle foto ve ne erano alcune di cui i volontari avevano sentito commenti e giudizi poco lusinghieri; altre le vedevano per la prima volta e altre ancora erano state oggetto di commenti positivi o neutri.Tutti i volontari pare abbiano indugiato particolarmente quando osservavano le facce delle persone che erano state definite poco raccomandabili.

Al contrario, le immagini che ritraevano le persone oggetto di commenti positivi, neutri o che vedevano per la prima volta, erano guardate per molto meno tempo. "Questa selezione preferenziale per percepire i cattivi potrebbe proteggerci da bugiardi e imbroglioni, permettendoci di vederli più a lungo e raccogliere in modo esplicito ulteriori informazioni sul loro comportamento», hanno concluso gli scienziati.
 

Gossip-terapia: spettegolare fa bene