Gli artisti degli MTV Awards all’asta contro i tumori pediatrici

Michele Bravi, vincitore di X Factor, racconta cosa significa sostenere con il proprio successo la ricerca per sconfiggere il cancro

Alessandra Amoroso, Annalisa, Benji & Fede, Alessio Bernabei, Michele Bravi, Elisa, Lorenzo Fragola, Emis Killa, Francesca Michielin, Max Pezzali e Sofia Viscardi ‘all’asta’ in favore dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) per sostenere la ricerca sui tumori pediatrici.

Direttamente dal palco degli MTV Awards di cui AIRC è partner social, gli artisti hanno messo all’asta alcuni oggetti disponibili sul sito Charitystars.com. C’è tempo fino al 30 giugno per provare a conquistare la sciarpa di Alessandra Amoroso, la giacca indossata da Annalisa durante le riprese del video ‘Splende’, la maglietta autografata da Benji & Fede, la t-shirt ‘noi siamo infinito’ firmata da Alessio Bernabei, la maglietta ‘made in me’ by Elisa con il suo autografo, il cappellino firmato da Lorenzo Fragola, la camicia utilizzata da Emis Killa nell’ultimo video ‘Cult’, i mallet con i quali Francesca Michielin ha suonato durante il suo ‘Nice to meet you’ tour e il casco Harley-Davidson autografato di Max Pezzali.

I fondi raccolti grazie alle aste degli artisti degli MTV Awards contribuiranno a finanziare il lavoro dei ricercatori AIRC impegnati a individuare nuove terapie e farmaci “su misura” per rendere i tumori pediatrici sempre più curabili.

Oltre agli oggetti in palio, ci sarà la possibilità di conquistarvi il cd di Michele Bravi, I hate music e il libro di Sofia Viscardi, Succede. E proprio Michele Bravi, vincitore della settima edizione di X Factor, ci racconta cosa significa contribuire con il proprio successo a salvare la vita di piccoli pazienti.

Hai deciso di mettere all’asta il tuo ultimo cd per sostenere i progetti di ricerca AIRC sui tumori pediatrici, cosa significa per te questo gesto?
Credo che la fortuna sia uno dei più grandi doni che si possa ricevere. Io sono famoso per la mia vena ironica-pessimista ma so di essere tanto fortunato. Devo ringraziare ogni giorno per tutto quello che ho e per cui posso lottare. Credo sia giusto e necessario condividere un pezzo della propria fortuna con gli altri. Ogni piccolo gesto porta a qualcosa di grande e bellissimo. Questo non è altro che un mio piccolo mattoncino.

Come vivi il successo e quanto ritieni possa essere uno strumento per sensibilizzare i fan a tematiche importanti come la lotta contro il cancro?
Finardi dice che il successo è un participio passato e il bisogno più grande è quello di lavorare sul presente. Io racconto la mia vita, la condivido, chiedo consigli e mi faccio rimproverare da chiunque abbia voglia di aiutarmi e ascoltarmi. Mi interessa creare dei rapporti diretti e non filtrati, dei dialoghi costruttivi senza idolatria. Mi fido tanto di tutte le persone che ogni giorno mi seguono e mi supportano e so che la loro sensibilità non può essere indifferente a queste battaglie.

Come è cambiata la tua vita dopo X Factor?
Ho iniziato a capire che la mia passione sarebbe potuta diventare una professione. Per natura sono una persona con i piedi ben piantati per terra e so che per arrivare lontano la strada è lunga e piena di ostacoli. Il mio percorso con la musica non è diverso dal percorso di chiunque altro giovane verso il futuro. Sto solo crescendo e affrontando la costruzione della mia vita.

Che progetti hai per il futuro?
Sto lavorando tanto, sto studiando tanto. Nell’ultimo periodo ho scritto un sacco di nuove canzoni: mi piacerebbe presentare un progetto che possa raccontare la mia crescita e i miei cambiamenti. Vivo la musica come se scandisse le varie fasi della mia vita: le rispetto e le assecondo, perché loro mi raccontano meglio di chiunque altro.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gli artisti degli MTV Awards all’asta contro i tumori pedia...