Genitori italiani? I più stressati d’Europa

Non è facile essere genitori e i più stressati sono quelli italiani: ecco i numeri

Essere genitori è uno dei mestieri più difficili al mondo e se oltre alla famiglia, c’è di mezzo anche il lavoro, la faccenda si complica, e non di poco.

Figli + lavoro: un connubio potente, la cui somma è uguale a tanto stress. E secondo una ricerca condotta in tutta Europa da Sitly, una piattaforma che mette in contatto genitori e baby sitter, i più stressati sono le mamme e i papà italiani e spagnoli, a differenza di quelli del Nord Europa. I motivi? Li spiega Laura sciolla di Sitly: “il sostegno economico e sociale fornito alle famiglie dei paesi nordici, dove le misure per riconciliare lavoro e vita familiare sono un impegno chiaro e concreto, andrebbe a motivare questa differenza”.

Le mamma e i papà del Nord Europa infatti non sono molto stressati, basti pensare che ad esempio in Norvegia, il paese con il più alto tasso di natalità, solo 11 genitori su 100 si considerano stressati.

Inutile nasconderlo: l’arrivo di un figlio ti cambia la vita, se poi ci sono anche fratellini e sorelline, l’essere genitori può diventare a volte un po’ faticoso.

E in Italia invece cosa accade? Qui i numeri sono ben diversi e infatti 34 genitori su 100 si definiscono “stressati”. Una delle difficoltà più grandi è riuscire a conciliare gli orari di lavoro con quelli di entrata/uscita dalla scuola o dall’asilo nido dei bambini, e se non si può contare su baby sitter o familiari, la soluzione è di ridurre i propri orari di lavoro (quando è possibile). I problemi si accentuano ulteriormente nei periodi di festività o in estate quando i bambini sono lontani dalle aule scolastiche per mesi.

Proprio per questi motivi, il 53% dei genitori sarebbe disposto a chiedere un congedo sul lavoro per evitare di cercare ogni volta soluzioni per assistere i propri figli e alcuni sarebbero anche disposti a rinunciare alla carriera professionale.

Tutte queste problematiche influiscono negativamente anche sulla vita di coppia: diventa sempre più difficile organizzare una cena romantica fuori casa perché bisognerebbe trovare qualcuno disposto a tenere i piccoli in quelle ore. Anche l’attività sessuale non è da meno: trovare un po’ di intimità per la coppia, potrebbe essere quasi un’impresa epica: ben 24 genitori su 100, hanno infatti confessato di aver riscontrato un peggioramento nella vita di coppia a seguito della nascita di un bimbo.

Essere genitori comporta sacrifici e responsabilità, ma sicuramente un loro sorriso ripaga tutte le difficoltà che si affrontano ogni giorno, tanto che sono solo 8 genitori su 100 che invidiano chi non ha figli.

Genitori italiani? I più stressati d’Europa