Festa della Donna: idee per un 8 marzo alternativo

Se siete stufe di ricevere la solita mimosa per la Festa della Donna, ecco alcune delle iniziativi più originali che sono state organizzate

Festeggiare l’8 marzo con un rametto cadente di mimosa? Grazie, no. Aspettare fiduciosa un regalino da amici, fidanzati e mariti? Si rischia di rimanere a bocca asciutta (magari per la seconda volta in pochi giorni, dopo San Valentino). Meglio allora fare da sole e organizzarsi per rendere davvero una celebrazione la Festa della Donna. Ecco alcune delle più belle proposte alternative che sono state pensate nel corso degli anni.

Omaggio alla bellezza femminile
In collaborazione con Vogue America e per la direzione artistica di Jean Nouvel, Dolce&Gabbana hanno celebrato la bellezza femminile attraverso un centinaio di foto firmate da grandi maestri dell’obiettivo. Ripercorrendo oltre 80 anni di storia della rivista, al Palazzo della Ragione di Milano va in scena Extreme Beauty in Vogue, un omaggio al fascino delle donne che, attraverso lo sguardo di artisti del calibo di Herb Ritts, Irwin Penn, Richard Avedon, Annie Leibovitz e tanti altri, diventano fragili vittime o feroci carnefici, splendide muse o umili manichini, sinuose ginnaste o ingobranti matrone, oggetto di folli interventi o schernitrici di assurde tradizioni. In un allestimento simile a una cattedrale pagana, l’avvenenza femminile si tramuta così in uno spunto per un’alta riflessione sul costume e sulla bellezza ideale che, attraverso mille stili ed epoche, la moda e le sue protagoniste continuano a inseguire.

Prenditi a cuore

Il Policlinico di Modena aveva pensato con la Campagna Prenditi cuore di dare la possibilità a 200 donne di effettuare uno screening gratuito per effettuare tutti gli approfondimenti diagnostici legati alle malattie cardiovascolari.

Difendiamoci
Gli agenti della Polizia di Stato in sinergia con il Comune di Roma  avevano ideato un corso di autodifesa per sole donne.

Qualche ora tutta per sé
Una giornata da star per chi sogna da sempre di essere protagonista di un vero set fotografico. Cento scatti e vari cambi d’abito, trucco e parrucco e uno stylist a disposizione. Oppure un personal shopper per entrare nei negozi più cool del momento e destinare il budget a disposizione verso i capi e gli accessori giusti. Ma anche un cuoco a domicilio per organizzare una cena tra amiche nel salotto di casa, senza scomodarsi a prenotare un ristorante.

Musei a prezzo  ridotto per le donne l’8 marzo.

Se proprio devono essere fiori…

Chi non sa rinunciare all’effluvio dei petali almeno indirizzi il proprio cavaliere (se non se li deve comprare da sola) verso i fiori “equi e solidali“.

Regata al femminile
A Venezia per la Festa delle Donne è stata organizzata la regata Donne su Caorline

Un film per allattare
Troppo prese tra poppate e ruttini per vedere un film al cinema? Nessun problema, l’associazione “Città delle mamme”, in collaborazione con il Municipio VI e l’Asl Roma, ha offerto alle madri l’opportunità di gustarsi una pellicola in compagnia dei propri piccoli.

 

Festa della Donna: idee per un 8 marzo alternativo